Maiorello (M5S), Tariffa puntale rifiuti: tutto fumo e niente arrosto!

di Redazione

Carmine Maiorello

Carmine Maiorello

PRATO – Si allungano i tempi di attesa per i cittadini pratesi che aspettano l’introduzione della tariffazione puntuale sui rifiuti. Questa, in estrema sintesi, la risposta dell’assessora Squittieri all’interrogazione depositata in Consiglio Comunale dal consigliere pentastellato Carmine Maioriello, che rincara la dose».

«È notizia di qualche settimana fa che i Sindaci di  Poggio a Caiano e Carmignano hanno sollecitato l’introduzione della tariffa puntuale sui rifiuti. E il Sindaco Biffoni, a Prato, ci deve dire esattamente che intenzioni ha! Questa Amministrazione vuole o no la tariffa puntuale? Mi preme ricordare che su questo stesso argomento già a novembre 2019 avevo depositato un’interrogazione».

«Il principio, lo ricordiamo è semplice: pago per quanto rifiuto indifferenziato produco, e non sulla superficie dell’abitazione e sul numero di componenti del nucleo familiare – spiega Maiorello -. I cittadini più virtuosi che effettuano la differenziata correttamente, riducendo così la quantità di rifiuto indifferenziato e aiutando salute e ambiente, dovranno ahimè aspettare chissà quanto tempo ancora per ottenere la meritata riduzione della TARI».

«Nel frattempo c’è un comune in Toscana che brilla: è il Comune di Lamporecchio, ed è il comune che ha avuto i migliori risultati della Toscana per quanto riguarda la raccolta differenziata raggiungendo addirittura il 90% grazie alla simbiosi tra raccolta differenziata e tariffa puntuale – prosegue il consigliere comunale -. Prato invece si ferma da alcuni anni al 75%. Ecco perché chiedo a gran voce al Sindaco Biffoni di chiamare, di scrivere, di stare con il fiato sul collo ad Alia e ad ATO e di farsi spiegare come mai a Prato non riescono a far partire questa tariffazione puntuale!».

«Ancora una volta siamo costretti a constatare che la maggioranza che governa la Città non ha mantenuto la promessa di maggior efficienza dei servizi resi alla cittadinanza quando fu deciso il passaggio da A.S.M. ad Alia – continua Maiorello – .  Quello che hanno raccontato era infatti che con Ato tutto sarebbe migliorato, oggi invece ci dicono che con Ato ci sono delle difficoltà, non potendo il Comune di Prato decidere da solo».

«Ci aspettiamo che il Sindaco e la Giunta facciano la loro parte ed intervengano convintamente per accelerare i tempi di applicazione della tariffazione puntuale. I cittadini più virtuosi meritano subito uno sconto in bolletta! Qui l’unica cosa puntuale è, come sempre, il nostro disappunto perché questa amministrazione sbandiera spesso successi senza raggiungere i risultati promessi!» conclude il consigliere Carmine Maioriello (M5S Prato).

 

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo