Cesare Prandelli, gli anni viola

di Simone Borri

Cesare Prandelli

Cesare Prandelli

«La nostra unica garanzia è Cesare Prandelli»

(Manuela Righini)

 

Se sei un predestinato, in genere lo si vede subito. Probabilmente già da quando i tuoi genitori ti impongono il nome. Se scelgono di chiamarti Claudio Cesare, con il nome cioè di due dei più grandi e famosi imperatori romani, è abbastanza chiaro che auspicano per te un futuro glorioso. Magari non necessariamente a lieto fine, dato che i due eponimi furono entrambi assassinati da congiure di palazzo, ma glorioso sì, senz’altro, e a furor di popolo.

Cesare Prandelli e Andrea Della Valle

Il popolo fiorentino, o per meglio dire viola, non ha mai avuto dubbi su Claudio Cesare Prandelli. Bastarono poche battute delle sue prime conferenze stampa in quell’estate del 2005 in cui arrivò in riva all’Arno perché la gente che aveva a cuore le sorti di una Fiorentina e che veniva da anni decisamente difficili si rendesse conto di aver trovato l’uomo giusto, quello della rinascita. I fratelli Della Valle lo chiamarono quell’anno a sedersi sulla panchina su cui in tre anni si erano alternati Pietro Vierchowod, Alberto Cavasin, Emiliano Mondonico, Sergio Buso e Dino Zoff. Tutti accomunati da un minimo denominatore: risultati bene o male sì, gioco zero. Per chi professava una estetica del calcio al pari di quella ostentata dagli altri prodotti di famiglia (una specie di marchio Tod’s applicato al pallone), era venuto il momento di affidarsi a chi poteva far fare il salto di qualità definitivo a una squadra che si sognava e si prometteva stabilmente insediata nell’alta classifica ed in grado di giocare divertendo. La squadra fu rifatta con acquisti importanti, a cominciare da quel Luca Toni che avrebbe vinto a Firenze la Scarpa d’Oro. E fu affidata al più promettente dei giovani allenatori che era disponibile al momento. Che avrebbe vinto a Firenze, per ben due volte, la Panchina d’Oro.

CesarePrandellianni70-210324-001Claudio Cesare Prandelli era stato a cavallo degli anni settanta e ottanta uno di quei terzini rocciosi che il calcio italiano una volta produceva in quantità. Cremonese, Atalanta e poi Juventus erano state le squadre in cui il bresciano di Orzinuovi aveva militato, senza mai però sfondare veramente. Nella Juve che sfilò lo scudetto all’ultima giornata alla Fiorentina nel 1982 c’erano così tanti campioni che trovare una maglia da titolare era un problema. Prandelli aveva davanti Cabrini, Gentile, Furino. Fece tanta panchina, anche se da quella panchina vide i compagni vincere di tutto e di più. Nel 1985 tornò all’Atalanta, dove visse il crepuscolo della sua carriera. L’ultima partita la giocò – gli scherzi del destino – a Firenze nel 1990. Fu un 4-1 per i viola di Baggio, che si salvarono proprio grazie a quel risultato. Baggio poi salutò e andò alla Juve, Prandelli salutò e appese le scarpe al chiodo, diventando allenatore. Dalle giovanili alla prima squadra, Prandelli si issò fino alla serie A, anche se la notorietà gli arrivò solo tra il 2002 e il 2004, in cui riuscì per due anni consecutivi a portare al quinto posto un Parma che già stava vivendo la crisi societaria conseguente al crollo della famiglia Tanzi.

A Parma fece talmente bene, lanciando tra l’altro giocatori come Gilardino o l’eterna promessa Adriano, che si accorse di lui nientemeno che la Roma di Sensi, che gli offrì di allenare Totti & C. Il mister accettò, per poi rinunciare pochi giorni dopo non appena si verificò l’insorgere della malattia che l’avrebbe privato della sua compagna. L’allenatore che rinunciava ad un contratto remunerativo e prestigioso per stare vicino alla moglie malata riuscì a commuovere un mondo con il pelo sullo stomaco come quello del calcio italiano, e Prandelli ne uscì con l’immagine se possibile ancor più ingigantita. Seguì un anno sabbatico in cui la situazione familiare del mister sembrò stabilizzarsi. Un anno dopo, sulla panchina della Roma sedeva ormai Spalletti, ma su quella della Fiorentina non c’era nessuno. Il nuovo DS Corvino avrebbe preferito qualcun altro (Guidolin, ad esempio), ma i Della Valle scelsero lui, l’uomo che prima ancora del buon calcio predicava il fair play.

CesarePrandelli181001-001Cominciò così la storia di Prandelli a Firenze. Del suo passato di gobbo non sembrava ricordarsi più nessuno, il pubblico fu subito dalla sua, anche perché la sua squadra giocava bene e vinceva. Panchina d’Oro e Scarpa d’Oro erano il minimo per una squadra che riuscì a qualificarsi trionfalmente alla Champions League dopo un lungo duello con la Roma di Spalletti. Ed era solo l’inizio, o almeno così pareva. Invece arrivò Calciopoli a scombinare i programmi di una società messa in ginocchio da avvisi di garanzia e deferimenti, e tuttavia anche allora Prandelli emerse come una figura di riferimento – l’unica in quel momento insieme al male non fare, paura non avere di Diego Della Valle – per i tifosi costretti ancora una volta a stringersi attorno alla loro squadra in pericolo. A Folgaria nell’estate 2006 fu stretto un patto tra uomini veri, il mister e i suoi ragazzi che andarono a giocare un campionato ancora più splendido di quello precedente, se possibile, rimontando 15 punti di penalizzazione e finendo quinti a un passo da una nuova qualificazione alla Champions League. Un’impresa clamorosa e senza precedenti che valse a Prandelli la seconda Panchina d’Oro.

Il peggio era passato, e finalmente si poteva riprendere la corsa verso la gloria? Macché, il peggio aveva ancora da venire. Senza più Luca Toni era difficile far gioco e vincere. Nel 2008 la corsa all’Europa League si fermò alla semifinale con i Glasgow Rangers e ai calci di rigore che meritavano miglior sorte, per una squadra che aveva quattro attaccanti di primo piano. In compenso, uno di questi – il prode Osvaldo – segnò poi lo splendido gol in rovesciata a Torino che valse la prima effettiva Champions League dell’era Della Valle, e anche dell’era Prandelli.

Gaio Giulio Cesare fu abbattuto da una congiura di palazzo. La congiura che avrebbe abbattuto Claudio Cesare Prandelli cominciò a lavorare nella stagione 2008-9. Nell’estate in cui la Fiorentina doveva giocare il preliminare con lo Slavia Praga, il DS Corvino non trovò di meglio che perfezionare la vendita del fenomeno Adrian Mutu alla Roma, a due giorni dal match decisivo di coppa. La reazione di Prandelli fu furibonda, Mutu restò a Firenze e dette alla Fiorentina la qualificazione alla Champions con due gol dei suoi, ma la frattura tra il tecnico e la società si consumò allora.

L'abbraccio tra Silvia Berti e Cesare Prandelli sul prato del Franchi, 18 maggio 2008

L’abbraccio tra Silvia Berti e Cesare Prandelli sul prato del Franchi, 18 maggio 2008

Il doppio impegno in campionato e coppa si dimostrò troppo pesante per i viola, malgrado l’arrivo del bomber Gilardino a fianco di Mutu ed una rosa paradossalmente molto, forse fin troppo, ampia. Cominciarono a venire al pettine alcuni nodi del carattere di Prandelli. Grande motivatore, capace di rigenerare alcuni giocatori in crisi come nessun altro (Gilardino era venuto a Firenze proprio per lui), eppure altrettanto incapace di stabilire un rapporto decente con altri, che alla fine sono dovuti andar via proprio per rigenerarsi. Pazzini e Osvaldo chiesero di andarsene ritenendosi ingiustamente penalizzati dal mister, che non li vedeva. Si consumò inoltre la lunga crisi di Manuel Pasqual, da incontenibile terzino d’attacco alla Cabrini a irriconoscibile fantasma vagante per il campo, a cui si sovrapponeva un altro fantasma, quel Vargas preso dal Catania dopo un campionato devastante che stentava a ripetersi. Ci volle a Prandelli un intero girone d’andata prima di capire che non si trattava di un terzino e che con Pasqual si dava reciprocamente fastidio.

Malgrado tutto, a fine stagione la Fiorentina era di nuovo in Champions. La sensazione era che il salto di qualità definitivo fosse ad un passo. La società aveva promesso lo scudetto nel 2011. Prandelli ci credeva, come tutti, e avanzò un paio di richieste in sede di mercato per colmare le poche lacune dell’organico a sua disposizione. Era l’estate del 2009. Quando saltò tutto, e la congiura di palazzo scattò per tirarlo giù.

(segue)

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo