Terza vittoria per le ragazze viola

di Patrizia Iannicelli

Fiorentinafemminile210207-001

(Dal nostro inviato) – Nella tredicesima giornata di campionato, la seconda di ritorno, la squadra femminile affronta al Gino Bozzi la penultima in classifica, il Napoli. Presenti in tribuna il presidente Commisso e la famiglia, il direttore Joe Barone. Mister Cincotta è costretto tra infortuni (gravi quelli di Mascarello e Piemonte, ndr) e Covid a mandare in campo due giovani esterni Sara Baldi (classe 2000) e Margherita Monnecchi (2002).

La formazione titolare parte con il modulo del 4-3-3, Scroffenegger tra i pali, Thogersen, Quinn, Tortelli, Zanoli, Adami (cap.), Middag, Vigilucci, Monnecchi, Sabatino, Baldi. Nella formazione ospite due ex viola, il portiere Perez e il difensore Martina Fusini in prestito fino al termine della stagione.

Nei primi minuti pressing delle viola che guadagnano una punizione, dal calcio piazzato la difesa avversaria recupera il pallone. Prima della gara una pioggia copiosa ha messo a dura prova il sintetico rendendo il campo pesante, ma dopo il quarto d’ora le condizioni atmosferiche peggiorate notevolmente rendono quasi impraticabile il terreno di gioco con rischio sospensione concreto.

Al ventesimo sono accesi i riflettori, con fischio d’inizio alle 12.30. Si continua a giocare, il primo tiro verso la porta è di Baldi, il portiere Perez para facilmente. Il pallone non trova la giusta traiettoria, spesso i passaggi sono sbagliati, si notano vistose pozzanghere, mettendo a rischio anche l’incolumità delle giocatrici.

Alla mezz’ora , mentre i dirigenti delle due squadre cercano di capire se intervenire con l’arbitro per una pausa, arriva il vantaggio delle viola. Punizione dalla destra di Sara Baldi che supera il portiere dalla parte opposta sul secondo palo, la bomber Daniela Sabatino non può far altro che buttare il pallone in rete.

Dopo lo svantaggio il Napoli sfiora il pari in due occasioni, si mette in evidenza il portiere Schroffenegger che para su un tiro di Rijsdijk, subito dopo l’estremo difensore chiude lo specchio a Cafferata. Immediata risposta della squadra viola con Sabatino che prova a chiudere i conti ma il tiro esce sul fondo. Dopo un minuto di recupero si va all’intervallo. La gara è piacevole, giocata da entrambe le squadre, anche se le azioni e le occasioni  sono condizionate dal terreno pesante.

Nella ripresa finalmente la pioggia diminuisce d’intensità fino a smettere, anche se in alcune zone restano grosse pozze d’acqua. Al cinquantasettesimo arriva un clamoroso autogoal del Napoli, Huyhn effettua un retropassaggio verso il portiere fuori dalla porta, il pallone lentamente oltrepassa la linea, per il raddoppio delle viola.

Le avversarie non si arrendono, una punizione battuta dalla Fusini viene mandata in corner con una bella parata del portiere viola. Al settantaduesimo il primo cambio esce Monnecchi per Kim, non cambia il modulo. Il gioco è condizionato, il pallone spesso rallenta, i passaggi non arrivano alle compagne di squadra. All’ottantaduesimo ancora un cambio, entra Cordia per Tortelli (pensiamo anche per l’ammonizione rimediata dal difensore, ndr), Adami si sposta verso il centro della difesa, Baldi come mezz’ala, e la statunitense Cordia si porta a fare l’esterno d’attacco.

Fiorentinafemminile210207-002

Nei minuti finali l’ultima sostituzione entra l’attaccante Clelland, esce la Baldi. Dopo tre minuti di recupero, il triplice fischio finale. Qualche attimo di apprensione per il portiere l’altoatesina Schroffenegger che resta a terra dopo una parata, assistita dai sanitari in campo non sembra nulla di grave.

A fine gara il presidente Rocco Commisso lascia la postazione in tribuna, si porta a bordo campo per congratularsi con mister Cincotta e la squadra. Grande prova per le ragazze che conquistano la terza vittoria consecutiva, recuperano punti e posizioni, 23 e quarto posto, anche se le squadre al vertice sono molto distanti (Juve a 39, Milan 33 punti, ndr).

Un successo importante ottenuto con un avversario ostico in lotta per la salvezza (penultimo, ndr), con condizioni meteo avverse che hanno penalizzato gioco e tecnica individuale. Un plauso alla bomber Daniela Sabatino che raggiunge 11 goal stagionali e non si risparmia per carattere e spirito agonistico, un esempio di grinta e determinazione anche per le giovani compagne.

Grande la soddisfazione del mister Cincotta (rientrato in panchina al Bozzi dopo la positività al Covid) che ha elogiato le ragazze per carattere e tenacia. Un passo importante che porterà ulteriori motivazioni nella gara della prossima domenica, nel ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia contro l’Inter, una gara in salita per il doppio svantaggio, ma che le ragazze viola faranno di tutto per ribaltare.

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo