Un 2020 da dimenticare.

di Barbara Chiarini

 

Una coppia di anziani che si abbracciano e si baciano attraverso un telo di plastica in una casa di riposo a Barcellona, Spagna, giugno 2020

Una coppia di anziani che si abbracciano e si baciano attraverso un telo di plastica in una casa di riposo a Barcellona, Spagna, giugno 2020

Pochi anni della storia europea del dopoguerra ci mancheranno meno del 2020. 

Questo anno che sta volgendo al termine finalmente: è stato un anno in cui la paura, l’insicurezza e la morte sono entrate nelle case delle famiglie del Vecchio Continente in un modo che non si era più visto in tempo di pace da oltre un secolo, bloccando grandi città e piccoli villaggi, imperversando nella solitudine delle case di riposo per anziani e nelle affollate unità di terapia intensiva degli ospedali. 

La stanchezza e la disperazione di uno dei nostri operatori sanitari Italia, aprile 2020

La stanchezza e la disperazione di uno dei nostri operatori sanitari
Italia, aprile 2020

L‘Italia è stata purtroppo protagonista e lo testimoniano le tristi immagini provenienti dalle regioni del nord che hanno commosso l’intero continente. Molte vite sono state spezzate, tutte sono state sconvolte, toccate o trasformate: l’uso delle mascherine è diventato obbligatorio, le case sono diventate per alcuni i luoghi di lavoro con le cucine e i soggiorni a fare da sfondo alle videoconferenze. Per molti altri, invece, il lavoro si è perso o è stato fermato nei mesi di blocco, con gli aiuti dello Stato che, per i più fortunati, hanno sostituito almeno in parte il reddito mensile. L’economia ferma e i viaggi interrotti così come gran parte della vita sociale, questo resterà in tutti i Paesi europei un Natale all’insegna della limitazione negli spostamenti come dell’aggregazione sociale. 

Migranti in fuga dall’incendio scoppiato sull’isola di Lesbo, Grecia -settembre 2020

Migranti in fuga dall’incendio scoppiato sull’isola di Lesbo, Grecia -settembre 2020

La fine dell’anno tuttavia sta portando un barlume di speranza grazie all’approvazione dei vaccini e all’annuncio dell’avvio della campagna di somministrazione in tutto il continente. Un anno critico per l’Europa che ha visto, al proprio interno, il consumarsi della frattura con il Regno Unito che ha ufficialmente reciso i legami politici con l’Europa lasciando l’Unione a gennaio dopo quasi mezzo secolo, anche se le due parti hanno poi speso il resto dell’anno senza riuscire a trovare un accordo sulle condizioni economiche del divorzio. Tensione anche a est per il braccio di ferro sulle regole dello stato di diritto con Ungheria e Polonia. 

Naufragio di migranti al largo delle coste italiane Settembre 2020

Naufragio di migranti al largo delle coste italiane
Settembre 2020

Un anno drammatico anche ai confini dell’Europa. Sempre a oriente è scoppiata la guerra nelle montagne del Nagorno-Karabakh che ha fatto migliaia di vittime, mentre in Bielorussia, l’opposizione è scesa in piazza contro l’uomo forte che la governa da 26 anni, e la cui rielezione in un voto contestato, ha innescato manifestazioni di piazza a cui Lukashenko ha risposto con il pugno di ferro. 

Il 2020 è stato un anno di continuità solo per migranti e profughi che hanno continuato a cercare una vita migliore in Europa, e hanno continuato in centinaia a morire durante il viaggio verso le sue coste. 

Musicisti provano al Gran Teatro di Liceu. I posti a sedere sono occupati da piante -Spagna, 2020

Musicisti provano al Gran Teatro di Liceu. I posti a sedere sono occupati da piante -Spagna, 2020

Simbolo di questa “banalità del male” le moltissime fotografie che sul web hanno spopolato in ogni dove, fermando con straordinari scatti momenti di sofferenza e di dolore, di una  straordinarietà che è divenuta quotidiano nella vita di tutti noi…

Addio vecchio anno 2020, di te ci mancherà ben poco! 

Benvenuto 2021, speriamo che tu sia il nuovo, l’anno dello della speranza e della luce per ciascuno di noi che è potuto restare a guardare , salvandosi fino ad adesso dal male. 

Che tu sia l’anno di passaggio, come un Caronte buono che ci aiuterà a traghettare dalle acque nere, infette e infide, fino a spiagge sicure, dove finalmente giungeremo a respirare il bene a pieni polmoni, senza mascherine chirurgiche…

Un arcobaleno splende sul nuovo ponte S.Giorgio a Genova , Italia -agosto 2020

Un arcobaleno splende sul nuovo ponte S.Giorgio a Genova , Italia -agosto 2020

Barbara Chiarini

Barbara Chiarini è nata a Firenze, è laureata in Architettura, indirizzo storico, restauro e conservazione dei Beni architettonici. Tra le sue passioni, l’ arte, l’ architettura, la musica, la letteratura, il cinema ed il teatro.


Visualizza gli altri articoli di Barbara Chiarini

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo