Leggero come la piuma

di Barbara Chiarini

L’attore statunitense Tom Hanks interprete protagonista del film Forrest Gump

L’attore statunitense Tom Hanks interprete protagonista del film Forrest Gump

Lo ricordo come fosse ieri: correva l’anno 1996 – il 6 luglio – quando Forrest Gump debuttò nelle sale americane e poco tempo dopo da noi, in Italia. 

Una piuma che vola nell’azzurro del cielo ed il mondo che non è più lo stesso. 

Impossibile dimenticare il celebre incipit del film diretto da Robert Zemeckis che vide come attore protagonista un superlativo Tom Hanks.

Quella piuma insieme a quella musica (la colonna sonora venne composta niente meno che Alan Silvestri) dettero spunto ad una rivoluzione di pensiero e di linguaggio. 

Il compositore e direttore d’orchestra Alan Silvestri, autore della colonna sonora

Il compositore e direttore d’orchestra Alan Silvestri, autore della colonna sonora

Piccole pillole di saggezza che danno la misura di quanto sia presente nella memoria collettiva il romantico personaggio di Forrest Gump, frasi  come «Corri, Forrest, corri!» o «La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita …» oppure ancora «Stupido è chi stupido fa», sono entrate a far parte dei nostri aneddoti quotidiani grazie al ricordo di quell’uomo tanto curioso; una creatura dalla vita sensibile, amara e dolce allo stesso tempo, che se ne stava seduto su una panchina, intento a raccontare di sé. 

Potrà sembrarvi una banalità, un fatto scontato, invece io ritengo che questo sia ciò che l’uomo contemporaneo incontri ormai più difficolta a fare: descrivere se stessi senza vanità e senza vergogna, esprimersi in maniera sincera e  spontanea, è cosa assai difficile a farsi, senza ricorrere all’aiuto di un buon analista!

Invece, la trama del film è praticamente tutta qui.

Gli attori Tom Hanks ( Forrest Gump) e Robin Wright ( Jenny Curran)

Gli attori Tom Hanks ( Forrest Gump) e Robin Wright ( Jenny Curran)

È lo stesso Forrest, da adulto, a raccontare la sua storia fin da bambino e a ripercorrere attraverso il suo intramontabile amore per Jenny, un trentennio di storia americana, da Elvis Presley alla guerra in Vietnam, passando dalla nascita del Movimento Hippy, fino al presidente degli Stati Uniti, John Fitzgerald Kennedy.

Sebbene affetto da una forma di deficit cognitivo non meglio specificato, egli sarà pronto ad osservare il mondo in modo puro, libero da ogni preconcetto, come davvero pochi altri uomini saranno capaci di fare.

Compirà anche azioni libere, prive di una qualsiasi utilità o di interesse (quale, ad esempio,  la famosa corsa da un oceano all’altro), ma Forrest conoscerà tutto della vita, anche l’amore di una donna, Jenny, colei per la quale il suo cuore batte forte sin dai tempi della scuola e da cui, poi, avrà un figlio.

Liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Winston Groom (1986), la pellicola registrò fin da subito incassi da record (680 milioni di dollari). Un successo coronato nel 1995 da sei Oscar, tra cui quello di miglior attore protagonista assegnato a Tom Hanks, il secondo di fila dopo quello per Philadelphia.

Lo scrittore statunitense Winston Groom, autore del romanzo Forrest Gump

Lo scrittore statunitense Winston Groom, autore del romanzo Forrest Gump

Film epidermico, a tratti surreale eppure aderente alla storia, Forrest Gump esalta i sentimenti senza accondiscendere ai buonismi, mostrando l’intimità di un uomo uguale a se stesso e perciò superiore, nonostante le apparenze, a coloro che lo circondano: leggero e aereo come la piuma, non desiderosa di volare eppure sempre librata nel cielo, come i sogni per inseguire i quali bisogna avere il coraggio di correre, anche senza motivo. 

Ecco perché, a distanza di ventisei anni dalla sua uscita nelle sale, Forrest Gump ci emoziona ancora.

Barbara Chiarini

Barbara Chiarini è nata a Firenze, è laureata in Architettura, indirizzo storico, restauro e conservazione dei Beni architettonici. Tra le sue passioni, l’ arte, l’ architettura, la musica, la letteratura, il cinema ed il teatro.


Visualizza gli altri articoli di Barbara Chiarini

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo