Se

di Simone Borri

Wimbledon190701-001

Se riuscirai a non perdere la testa quando tutti la perdono intorno a te, dandone a te la colpa

se riuscirai ad aver fede in te quando tutti dubitano, e mettendo in conto anche il loro dubitare

se riuscirai ad attendere senza stancarti nell’attesa, se, calunniato, non perderai tempo con le calunnie

o se, odiato, non ti farai prendere dall’odio, senza apparir però troppo buono o troppo saggio;

se riuscirai a sognare senza che il sogno sia il padrone

se riuscirai a pensare senza che pensare sia il tuo scopo,

se riuscirai ad affrontare il successo e l’insuccesso trattando quei due impostori allo stesso modo

se riuscirai ad ascoltare la verità da espressa distorta da furfanti per intrappolarvi gli ingenui

o a veder crollare le cose per cui dai la tua vita e a chinarti per rimetterle insieme con mezzi di ripiego

se riuscirai ad ammucchiare tutte le tue vincite e a giocartele in un sol colpo a testa-e-croce,

a perdere e a ricominciar tutto daccapo, senza mai fiatare e dir nulla delle perdite

se riuscirai a costringere cuore, nervi e muscoli, benché sfiniti da un pezzo, a servire ai tuoi scopi

e a tener duro quando niente più resta in te tranne la volontà che ingiunge: “tieni duro!”

se riuscirai a parlare alle folle serbando le tue virtù, o a passeggiar coi Re e non perdere il tuo fare ordinario

se né i nemici o i cari amici riusciranno a colpirti, se tutti contano per te, ma nessuno mai troppo

se riuscirai a riempire l’attimo inesorabile e a dar valore ad ognuno dei suoi sessanta secondi

il mondo sarà tuo allora, con quanto contiene, e – quel che è più, tu sarai un Uomo, ragazzo mio!

(Rudyard Kipling, If, trascritta sul muro della hall che dà accesso al Campo Centrale di Wimbledon)

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo