Saint Andrews, protettore dei golfisti

di Barbara Chiarini

Saint Andrews, Scozia.

Saint Andrews, Scozia.

Ci sono dei luoghi che ti rimangono nel cuore e dove, almeno per una volta nella vita, si cerca sempre volentieri di poter ritornare: la seconda volta che ci si reca, si può avere modo di scoprire  nuovi deliziosi angoli che, alla prima visita, erano passati inosservati. 

Per me, è il caso di Saint Andrews, graziosa e soleggiata cittadina che sorge nella regione del Fife, a Nord di Edimburgo. Saint Andrews è un piccolo borgo, famoso nel mondo per più motivi. La mia prima visita risale al 1985, ma in questi giorni vi sono ritornata di nuovo per concedermi una vacanza. Di fatto, mi sono accorta di aver tralasciato davvero un sacco di cose da vedere!

 Accoccolato lungo la linea costiera orientale della Scozia, Saint Andrews si affaccia sul Mare del Nord: in Scozia, le regioni hanno ancora nomi dal sapore antico che riecheggiano storie di regni e contee, il che si sposa benissimo con il panorama che caratterizza questo paese. 

St. Andrews trova spazio in una zona di bellissimi bassopiani; i contorni naturali delle prospicienti colline mostrano una campagna che si estende a vista d’occhio, verdissima, delineata sul fondo dal mare e costellata di architetture in stile gotico, come anche molti greggi di bestiame!

Se qualcuno avesse sentito parlare di St. Andrews prima di organizzare un eventuale viaggio in Scozia, sappia che la visita di questo luogo è fondamentale per almeno tre motivi.

Saint Andrews University, Saint Andrews.

Saint Andrews University, Saint Andrews.

Il primo è legato all’Università. Quella di St. Andrews, fondata nel lontano 1413, è la più antica di Scozia e la terza per longevità, considerando tutto il mondo anglosassone. Dopo Oxford e Cambridge, l’Università di Saint Andrews è accreditata come uno degli atenei più prestigiosi e rinomati del Regno Unito. E’ qui infatti che hanno studiato e continuano a studiare i rampolli dell’alta borghesia inglese.

Ma non solo. Se lo scenario circostante St Andrews già di per sé può farvi tornare in mente gli intrighi ed i giochi di potere di alcune serie televisive che ci incollano alla poltrona, nonostante siano all’ottava stagione, se già il cognome della casata  Stark oppure  dei Lannister può risultarvi coinvolgente, quando arriverete davanti al fronte d’ingresso dell’ università, non potrete far altro che aspettarvi che il maghetto di Hogwarts esca da un momento all’altro da una di quelle di porte! 

Il secondo motivo è il gossip, ed anche in questo caso c’entra l’Università. La popolazione, costituita principalmente da impiegati e studenti, è di appena nove mila anime! Qualora la vostra visita si svolgesse durante il calendario accademico, non dovrete stupirvi di trovare studenti che passeggiano indossando sgargianti mantelli di colore rosso. Questi sono stati ideati specificatamente  per distinguerli dal resto della popolazione: in tempi passati, i ragazzi non potevano uscire dal college durante il primo anno, dopodiché  era obbligatorio che indossassero il mantello rosso.

Alcuni studenti che indossano i mantelli rossi della St Andrews University

Alcuni studenti che indossano i mantelli rossi della St Andrews University

Per gli amanti delle storie d’amore e dei giornali di tendenza, questo è il luogo dove il Duca e la Duchessa di Cambridge, ovvero il Principe William e sua moglie Kate Middleton si sono conosciuti ed innamorati, indossando sulle spalle  quei mantelli rossi!

Ai tempi del fatto, la presenza dell’erede al trono e la curiosità verso una storia che presentava tutti i crismi della favola d’amore perfetta, ideale per riempire pagine e pagine di rotocalchi rosa, avrebbero potuto trasformare il piccolo paesino in un grande circo mediatico. Fortunatamente, tutto questo non accadde, ne fu ovviamente parlato a lungo, ma la stampa inglese era stata caldamente invitata a tenersi lontana dal posto, e così il Principe William fu libero di poter continuare  ad andare in giro per le stradine acciottolate di Saint Andrews come uno studente qualsiasi!

Il terzo, l’ultimo motivo (per taluni forse il più importante), è rappresentato dalla passione. Stavolta non parlo di quella che scoccò tra Will e Kate. Mi riferisco ad un’altra passione, quella per il gioco del golf,  che  in maniera quasi viscerale viene coltivata e alimentata dagli appassionati di questo sport per tutta la vita: per i golfisti incalliti, Saint Andrews è considerata la casa madre, il luogo di origine del tuttoperché è qui che la tradizione vuole che sia nato questo gioco.

 Il Royal and Ancient Golf Club fu fondato  a Saint Andrews nel 1754 ed ancora oggi è qui che si organizza  il più celebre Torneo Open Championship del mondo!

The Royal and Ancient golf Court, St. Andrews

The Royal and Ancient golf Court, St. Andrews

La Scozia è il secondo paese con il maggior numero di campi da golf  pro-capite, (il primo è l’Islanda). La maggior parte di questi sono pubblici, gratis e per tutti i sessi.

I campi da golf che hanno reso famosa la città di Saint Andrews, invece, non sono pubblici, né gratuiti ed hanno ancora una bassissima  presenza femminile: di contro, dal XV secolo, il passatempo preferito degli scozzesi è stato quello di giocare al golf. Non sappiamo esattamente quando fu inventato, ma sappiamo che nel 1457 era già popolare tra la gente: pensate che Giacomo II, re di Scozia lo vietò poiché ostacolava gli esercizi di tiro dei suoi arcieri. Molti anni dopo, Maria Stuart in persona, lo considerava uno dei suoi hobby preferiti.

The Royal Ancient Golf Club è il club più prestigioso e la più importante autorità del golf in tutto il mondo. Questo circolo di golf è, per molti dei più grandi golfisti, il campo più speciale di tutti, il campo perfetto! Non dobbiamo dunque sorprenderci se l’Old Course è uno dei campi più amati al mondo.

Sull’erba dell’ Old Course, nel lontano 1897 furono formalizzate le regole di questa disciplina, che tuttora sono in vigore: a rotazione con altri campi,  quando ogni cinque anni a Saint Andrews si svolge l’Open Championship,  migliaia di appassionati si danno  appuntamento in questo luogo.

The Old Course, 18th Hole, St. Andrews

The Old Course, 18th Hole, St. Andrews

Del resto, come scrisse Harold Segall: «Il golf non è solo un esercizio; è un’avventura, una storia d’amore … un’opera di Shakespeare, in cui tragedia e commedia si intrecciano».

E a Saint Andrews, in verità è possibile  ritrovare  un po’ di tutto questo:  storia, cultura, amore  e passione!

Barbara Chiarini

Barbara Chiarini è nata a Firenze, è laureata in Architettura, indirizzo storico, restauro e conservazione dei Beni architettonici. Tra le sue passioni, l’ arte, l’ architettura, la musica, la letteratura, il cinema ed il teatro.


Visualizza gli altri articoli di Barbara Chiarini

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo