The final countdown

di Simone Borri

Europe190527-001

Erano ragazzi ambiziosi. Provenivano tutti dallo stesso sobborgo di Stoccolma, Upplands Väsby, e sognavano di sfondare in tutto il mondo. Come prima cosa, avevano bisogno di un nome che fosse di impatto un po’ dappertutto, a livello internazionale.

All’inizio si chiamavano WC. E capite bene che a livello internazionale l’impatto non poteva che essere negativo. Poi divennero i Force, ma di forza ne sprigionavano poca, a qualsiasi livello. Finché il bassista, Joakim Larsson, ebbe l’idea rigirandosi per le mani un LP dei Deep Purple, Made in Europe.

Ed Europe fu. Per quegli scherzi che fa la vita, il successo arrivò subito, quasi che avesse atteso di arridere al nome giusto. La loro musica era travolgente, soprattutto dal vivo. Rock the night, Walk the Earth, Wings of Tomorrow. E soprattutto quella che fu l’apice del loro successo.

Europe190527-002

The final countdown l’abbiamo scelta come brano di oggi, 27 maggio 2019. L’Europa si sveglia con un nuovo Parlamento, non sa ancora bene quale e soprattutto non sa ancora che cosa gliene verrà. Da Maastricht ad oggi sono stati molti di più i sogni infranti di quelli realizzati. E’ ora di cambiare, e nessuno sa ancora bene come. Quello che è certo è che per la vecchia Unione è cominciato…..

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Commenta l'articolo