Lega: l’autonomia schizofrenica di Rossi

di Simone Borri

LegaRegione
Riceviamo da Elisa Montemagni, capogruppo Lega Toscana in Consiglio Regionale, e volentieri pubblichiamo:
«in queste ultime due settimane il tema centrale della politica toscana è tornata ad essere l’autonomia. Proprio mentre il Governo cerca di dare un proseguo al voto popolare di Veneto e Lombardia, il toscano Enrico Rossi, a giorni alterni, si dice contrario al regionalismo differenziato.
Pochi giorni fa infatti ha dichiarato ai giornali il pericolo che l’Italia finisca per sfasciarsi di fronte a quella che ha espressamente chiamato secessione dei ricchi, riferendosi proprio al caso Lombardo-Veneto. Peccato che, a soli 5 giorni di distanza da quelle parole, sia tornato sui suoi passi chiedendo maggiore autonomia per la Toscana!
Ritengo che le parole del (ancora per poco) Governatore Rossi siano il segno di una politica quantomai malata. Noi della Lega siamo stati gli unici, fin dal primissimo momento, a richiedere l’Autonomia per la nostra regione. Senza se e senza ma.
Lo faremo nuovamente, nella prossima seduta del Consiglio regionale, quando andremo a discutere la nostra mozione sul regionalismo differenziato, facendo in modo che gli indirizzi espressi già negli anni precedenti e votati dall’assemblea regionale, non siano solo inchiostro stampato su carta, ma si traducano in fatti concreti con l’obiettivo di rendere la Toscana una regione autonoma.
Consigliamo quindi di non perdere le prossime sedute del 26 e 27 Febbraio: il cammino verso l’autonomia è appena iniziato!
Elisa Montemagni
Capogruppo Lega

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo