Lega Toscana: Rossi, governatore dei migranti

di Redazione

LegaRegione

Riceviamo da Elisa Montemagni, capogruppo Lega Toscana in Consiglio Regionale, e volentieri pubblichiamo:

«Iniziamo questo 2019 subito sul piede di guerra. Come avrete letto sui giornali, il Governatore Enrico Rossi ha realizzato assieme alla sua Giunta una proposta di legge per cercare di scardinare il Decreto Sicurezza voluto dal Ministro Salvini.

Prima della pausa natalizia eravamo stati avvertiti della volontà, da parte della sinistra toscana, di realizzare una legge in favore dei cosiddetti migranti.

Il testo che il Pd ha avuto la faccia tosta di presentare in commissione sanità questo giovedì, mira a concedere l’accesso a qualsiasi prestazione socio-assistenziale nonché l’accesso a sistemazioni temporanee di accoglienza, alle persone prive di titolo di soggiorno.

In poche parole: la Toscana sinistra vuole coccolare i clandestini con i nostri soldi.

Il primo effetto negativo di questa legge, oltre alle ricadute economiche, sarà la possibilità di trasformare la Toscana nel più grande campo profughi di tutta Italia.

Avendo una regione pronta ad accogliere ed accudire le persone senza permesso di soggiorno, secondo voi, dove sceglieranno di stabilirsi i clandestini?

La sanità toscana vive già grossi problemi, recando non pochi disagi ai nostri cittadini. Non troviamo corretto sobbarcare il bilancio (fatto con le vostre tasse) offrendo assistenza a chi non ha titolo per stare nel nostro paese.

Con questo, non vogliamo negare le cure essenziali per salvare la vita a chicchessia ma, tolta questa evenienza, riteniamo che la sanità pagata con le tasse degli italiani debba occuparsi dei suoi concittadini.

Ci stiamo preparando e, al momento in cui la proposta di legge arriverà in aula, faremo tutto ciò che è in nostro potere per ostacolarla.

Sono sicura che alle prossime elezioni amministrative ed europee, i cittadini sapranno come rispondere alle politiche immigrazioniste della sinistra».

Elisa Montemagni

Capogruppo Lega

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo