Viale dei Mille

di Simone Borri

ClaudioDesolati180901-001
da La Nazione del 15 marzo 2012
Ventisei gennaio 1975, Fiorentina battuta in casa dalla Samp (reti di Prunecchi e Maraschi). Sulla squadra volteggiano voci di dolce vita che l’allenatore Rocco — già sotto choc per i famosi pantaloni rossi di Speggiorin e le potenti auto esibite dai calciatori — non ridimensiona con le sue occhiate cupe. I giovani del gruppo sono nel mirino e la sconfitta in casa è la scusa per una lezione spicciola di galateo. Il 26 gennaio 1975 è il giorno della contestazione delle contestazioni, quella che nella memoria è archiviata come la vittoria suprema del tifoso: la rabbia del popolo e i giocatori che scappano a piedi, soddisfazione massima senza feriti, la rivincita sui divi che ritornano umani scappando sulle gambe, che all’occorrenza sanno muovere con frequenze notevoli. La pista era quella del viale dei Mille, la distanza i 500 metri piani.
Dopo 34 anni il protagonista dello sprint sorride al ricordo. Claudio Desolati aveva vent’anni e contro la Samp aveva giocato solo un quarto d’ora entrando nel finale al posto di Guerini: «Io c’entravo poco, ma mi trovai in mezzo a quella bolgia e corsi come Mennea».
Ricostruiamo l’episodio, se le va.
«Come no. Restammo chiusi un’ora e mezzo negli spogliatoi, poi un dirigente accompagnò me e Speggiorin nella sede viola, che era nel viale dei Mille. Quando uscii capii subito che non era il caso di parlare con chi ci stava aspettando».
E allora?
«C’era Carlo, il cuoco della nostra mensa. Gli dissi: coprimi, che io parto. Lui non capì, mi chiese che fai, ma ero già scappato. Più di cinquecento metri a tutto fuoco, anche se avevo uno strappo muscolare alla coscia destra. Ogni tanto mi voltavo e gli inseguitori perdevano terreno».
E poi?
«Avevo la macchina in un garage, la presi e fuggii a casa. Quando arrivai avevo la febbre a 39 per la paura. Il giorno dopo però era finito tutto, arrivai allo stadio e nessuno mi offese».
I tifosi avevano ragione a contestarvi?
«In quel periodo andavamo in ritiro da una settimana all’altra, anche volendo non avremmo avuto la possibilità di fare niente di particolare… Ma quando la squadra perde, la gente ha sempre ragione».

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo