Presentate le nuove maglie della Fiorentina

di Patrizia Iannicelli

maglieFiorentina180621-001

FIRENZE – Nel tardo pomeriggio di ieri nella location del Circolo Canottieri di Firenze con lo sfondo della magnifica cornice di Ponte Vecchio, è stata presentata alla stampa la nuova collezione delle maglie della Fiorentina, del settore femminile e delle giovanili per la stagione 2018/19. Per il secondo anno consecutivo la società viola e Le Coq Sportif  dedicano le seconde tenute da trasferta ai quattro colori dei quartieri della città gigliata, azzurra di Santa Croce, verde di San Giovanni, rossa di Santa Maria Novella, bianca di Santo Spirito. Presenti all’evento il presidente della Società Canottieri, il  vice presidente della Fiorentina Gino Salica, l’assessore allo sport del Comune Andrea Vannucci, il presidente del Calcio Storico Michele Pierguidi, il club manager Giancarlo Antognoni,  il manager in Italia di Le Coq Sportif Massimo Mazza.

La prima divisa è caratterizzata dai pantaloncini neri, mentre la maglia viola presenta il colletto con bottoncini, il materiale idrorepellente molto leggero. Ad evidenziare lo stretto legame con la città, sulla schiena della maglia viola è rappresentato lo scudo che racchiude i simboli dei quattro quartieri, e sul fianco destro il Saluto alla Voce, i comandi che precedono tutte le partite del calcio storico, quando il corteo è schierato sull’arena di Piazza Santa Croce.

GiancarloAntognoni180621-001Sulle seconde maglie dedicate ai quattro quartieri, si nota il nome sul retro del colletto, mentre sulla schiena il simbolo, anche in questo caso il Saluto alla Voce sul lato destro, le strisce viole sui fianchi, che ricordano lo stile delle divise dei calcianti. Prosegue quindi il percorso iniziato lo scorso anno con una maglia unica nel suo genere quella di rappresentare una città nella propria squadra. Un connubio tra Firenze e Fiorentina indelebile, tra lo spirito di appartenenza e l’orgoglio di tifare viola, una tradizione che si rinnova ogni stagione e che resterà tale nel futuro.

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo