In Toscana la salute diventa SPID

di Redazione

spid-180426-001FIRENZE – Dal 2 al 20 maggio i cittadini toscani potranno richiedere, gratuitamente, presso numerose strutture sanitarie, le credenziali SPID. Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, è la soluzione che permette di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da computer, tablet e smartphone. Si tratta di un sistema di autenticazione sicuro che garantisce la tutela dei dati personali. Grazie a SPID vengono meno le decine di password, chiavi e codici oggi necessari per utilizzare i servizi online delle varie Pubbliche Amministrazioni.

Sono già numerosi i servizi digitali che Regione Toscana ha reso disponibili con accesso SPID. E’ possibile ad esempio attivare e consultare il Fascicolo Sanitario Elettronico, la raccolta online di dati e informazioni sanitarie che costituiscono la storia clinica e di salute del singolo cittadino, stampare il libretto vaccinale, scegliere il medico di famiglia, consultare e stampare il certificato che attesta la fascia di reddito in base alla quale sono calcolati il ticket sanitario o l’eventuale esenzione. I servizi si trovano su open.toscana.it/servizi

A Firenze sarà possibile rivolgersi all’ospedale di Careggi, al nuovo ospedale San Giovanni di Dio, agli ospedali Santa Maria Annnuziata e Santa Maria Nuova; a Pontedera presso l’ospedale Felice Lotti; a Grosseto l’ospedale Misericordia; a Massa Marittima presso l’ospedale Sant’Andrea e a Orbetello l’ospedale San Giovanni di Dio. Ad arricchire l’offerta delle sedi disponibili per richiedere le credenziali SPID, contribuiscono anche le Botteghe della Salute, con i loro 75 punti diffusi sul territorio toscano in aree disagiate, ma anche le Camere di Commercio ed i Cna. e tutta la rete degli uffici postali. Saranno quindi circa 1.000 i punti di attivazione su tutto il territorio regionale.

Il calendario dettagliato dell’evento è disponibile online all’indirizzo: fascicolosanitario.regione.toscana.it

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo