El Caudillo

di Simone Borri

Passarella180316-001La notte del 25 giugno 1978 le mani che sollevarono al cielo allo Estadio Monumental di Buenos Aires la prima Coppa del Mondo di calcio della storia argentina furono le sue. Daniel Alberto Passarella era il capitano indiscusso e indiscutibile della Nazionale biancoceleste in cui era entrato nel 1974 dopo i Mondiali di Germania e da cui uscì nel 1986 dopo i Mondiali (ancora vittoriosi) del Messico. Unico giocatore argentino della storia a vincere due Mondiali (anche se quello dell’86 di fatto non lo giocò, ufficialmente essendo stato colpito dalla Maledizione di Montezuma, ma c’è chi dice a causa di contrasti insanabili con l’altro personaggio carismatico di quella squadra, el Pibe de Oro Diego Armando Maradona), è stato inserito da Pelé nella lista dei 100 migliori giocatori di tutti i tempi.

Daniel è nato a Chacabuco nella Provincia di Buenos Aires il 25 maggio 1953. E’ stato uno dei giocatori più straordinari della storia viola, nonché del calcio mondiale. Tecnicamente, era quello che allora si chiamava un libero, cioè il regista della difesa, ed è stato uno dei migliori interpreti di sempre di quel ruolo, insieme al povero Gaetano Scirea, all’olandese Ruud Krol e al tedesco Franz Beckenbauer. Era un difensore moderno, capace di attaccare e di segnare molti gol, soprattutto su punizione. E’ il secondo difensore nella classifica dei marcatori assoluti di tutti i tempi, al secondo posto dietro Ronald Koeman con 178 reti, di cui 22 con la maglia biancoceleste e 26 con quella viola.

Del Mondiale 1978 molti ricordano la sua foto con il Generale Videla, il feroce dittatore argentino che utilizzò la vittoria come cassa di risonanza per il regime che aveva insanguinato il suo paese, con una repressione senza precedenti e la tragedia dei desaparecidos. Ma Daniel era soltanto il capitano, il conducador di una squadra forte e determinata, che aveva il vantaggio di giocare in casa e che fu piegata soltanto una volta, nelle eliminatorie, dalla fortissima Italia di Enzo Bearzot. Fargli colpa di quella foto equivale a contestare a Peppino Meazza la presenza alla premiazione del 1934 accanto a Benito Mussolini, semplicemente assurdo.

A colpire del capitano argentino erano piuttosto la classe immensa ed il carisma. Nel River Plate, la sua squadra di club, o nella Nazionale, nessuno metteva in discussione la sua leadership, neppure giocatori del prestigio di un Mario Kempes, di un Osvaldo Ardiles o di un Daniel Ricardo Bertoni. Con l’astro nascente Maradona fu un altro discorso, i due non si sopportavano, essendo completamente diversi dentro e fuori dal campo. Era però inevitabile che el Pibe la spuntasse a gioco lungo: come era stato escluso lui nel 1978 perché troppo giovane, nel 1986 chiese e ottenne l’esclusione di Passarella perché troppo vecchio. I fatti gli dettero ragione, perché quella volta furono le sue mani ad alzare la seconda Coppa argentina.

Passarella180316-002Nel 1982, ai Mondiali di Spagna, fu l’ultimo dei suoi ad inchinarsi alla Nazionale di Bearzot, che cominciò proprio contro l’Argentina la cavalcata verso il terzo titolo mondiale. Mentre Maradona si faceva esasperare ed annullare dalla marcatura stretta di Gentile, Passarella segnò il gol della bandiera albiceleste, uscendo dal torneo a testa più che alta. A quel punto, il suo cartellino era già di proprietà della A.C. Fiorentina. Il Conte Pontello, malgrado la scottatura di uno scudetto perso agli ultimi minuti in modo discutibile per mano della Juventus, aveva deciso di rilanciare. L’ottimo Roberto Galbiati, uno dei protagonisti della stagione 1981-82, fu sacrificato, ma nessuno ebbe da ridire, poiché era in arrivo uno dei migliori del mondo. Uno dei migliori di sempre. In viola c’era già il connazionale Daniel Bertoni, el Puntero; c’erano i campioni del mondo Galli, Antognoni, Graziani e Massaro. C’era di che sognare, insomma.

L’esordio fu duro, Il fuoriclasse argentino era abituato a un calcio e a dei compagni a cui dettava legge, a Firenze gli ci volle tutto il girone d’andata per prendere le misure al campionato italiano. Il 1983 fu l’anno della Roma di Falcao, Bruno Conti e di Nils Liedholm. La Juventus con tre quarti di Nazionale azzurra più Platini e Boniek stentava. La Fiorentina, lungi dall’ottenere la rivincita per lo scudetto scippato tra Cagliari e Catanzaro, fu soltanto quinta. Ma a fine stagione Daniel Alberto Passarella era diventato per i suoi tifosi el Caudillo, parola che in spagnolo significa leader assoluto, politico o militare. Era stato l’appellativo del dittatore spagnolo Francisco Franco, per capirsi. Qui fu solo il soprannome rispettoso e affettuoso riservato dai tifosi ad un giocatore che come era abituato a fare ovunque prese in mano la squadra viola e per tre anni la condusse saldamente.

Passarella180316-003Il 1983-84 sembrava l’anno buono, per i Pontello e per Firenze. Ma il bruttissimo secondo infortunio ad Antognoni non permise alla Fiorentina di reggere la concorrenza di Juventus e Roma, malgrado una forza di squadra notevole ed un impianto di gioco spettacolare. Nei due anni successivi, la Fiorentina fu intristita dal malore che mise fuori gioco l’amato mister Picchio De Sisti, dal lento, difficile e insoddisfacente recupero di Antognoni (che non tornò più quello di prima) e dalla constatazione che il Socrates sbarcato a Firenze era ormai lontano parente di quello ammirato in Spagna e nel Corinthians: un giocatore a fine carriera. Lentamente, le stelle viola si appannavano tutte. Alla fine rimase solo lui, grande campione e professionista esemplare fino all’ultimo minuto giocato con la Fiorentina. In 106 partite, a Firenze segnò 26 reti. In particolare, i tifosi ricordano volentieri il gol della vittoria a Torino sulla Juventus nel 1985, un evento che non si verificava più dall’anno dell’ultimo scudetto.

Nel 1986, in procinto di trasferirsi all’Inter, segnò due reti all’ultima giornata lasciando alla Fiorentina la vittoria a Pisa e la qualificazione alla Coppa UEFA ai danni della sua futura squadra. Alla fine di quella stagione, Galli e Massaro passarono al Milan alla cui presidenza si era appena insediato Silvio Berlusconi. Antognoni rimase a fare più che altro panchina, in attesa della consacrazione del suo erede Roberto Baggio. Daniel Alberto Passarella indossò la maglia nerazzurra e trascorse due anni crepuscolari a Milano. La Maledizione di Montezuma, di Maradona, o semplicemente dell’età, 33 anni, si faceva sentire.

Nel 1988 fece ritorno in patria, al suo River Plate, di cui fu per una stagione il primo allenatore-giocatore della storia. L’anno dopo appese le scarpe al chiodo, restando per altri cinque anni allenatore del River. Dal 1994 fino ai Mondiali di Francia del 1998 fu selezionatore della nazionale biancoceleste. In Francia, l’Argentina fu eliminata ai quarti dall’Olanda e ferocemente criticata dalla stampa del suo paese per il gioco poco spettacolare, malgrado la presenza di fuoriclasse come Omar Gabriel Batistuta, Abel Balbo ed Hernan Crespo. Quasi mai i fuoriclasse in campo lo sono stati anche in panchina, lo stesso Maradona avrebbe confermato la regola circa dieci anni più tardi di lui.

Dal 2009 Daniel Alberto è passato dietro la scrivania del River Plate, diventandone il presidente, carica che ricopre attualmente. Un condottiero come lui non l’abbiamo avuto e non lo riavremo più.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo