Dunga il Cucciolo

di Simone Borri

Dunga180410-001Dopo l’addio di Daniel Alberto Passarella, alla Fiorentina era venuto a mancare il leader carismatico, l’uomo-squadra, prima ancora che un fuoriclasse capace da solo di fare la differenza e risolvere le partite. I Pontello nel frattempo stavano ridimensionando programmi e obbiettivi, pur cercando di portare a Firenze giocatori che in qualche modo potessero ancora entusiasmare i tifosi e dare un’impronta alla squadra viola.

Andò male, o poco bene, con un altro argentino, il fresco campione del mondo Ramon Diaz, che in due anni giocò a Firenze 53 partite segnando 17 gol, ma senza mai incantare. Andò molto meglio con un altro campione sudamericano trovato quasi per caso alle porte di casa e destinato a rimanere nel cuore dei fiorentini: Carlos Caetano Bledorn Verri, detto Dunga, in portoghese il Cucciolo.

Il campione meno brasiliano nella storia del Brasile, di ascendenza italiana e tedesca, arrivò in Italia scoperto dal Pisa di Romeo Anconetani, che in quegli anni era un vero talent scout. Nel 1988 Pontello lo portò alla Fiorentina, dove sarebbe rimasto anche dopo la fine della sua presidenza, fino al 1992. Dunga si dimostrò il degno erede di Passarella, di cui ripetè le prestazioni segnando anche 8 reti in 124 partite. Un condottiero, un leone in campo, l’uomo capace di fare reparto da solo, in difesa, e di tenere in alto una squadra che di talenti veri e propri ne schierava sempre meno.

La carriera di Dunga a Firenze si sovrappose alla fase finale di quella in viola di Roberto Baggio. Fu lui il regista della B&B, la premiata ditta del gol Baggio & Borgonovo. E coincise anche con il periodo iniziale della carriera di un altro campione sudamericano, di nuovo argentino, arrivato a Firenze anche lui quasi per caso e destinato ad essere ricordato come il più grande ed il più forte di tutti.

Dunga180410-002Proprio per lo scarso feeling con il nuovo arrivato, l’argentino Gabriel Omar Batistuta, finì per concludersi anzitempo l’esperienza fiorentina del Cucciolo, che si trasferì a giocare a Stoccarda. Nel 1994 fu proprio lui ad alzare, da capitano, la Coppa del Mondo vinta nella finale proprio contro quell’Italia che non aveva più posto per lui nelle sue squadre. Era quello, come lui del resto, il Brasile meno brasiliano di sempre, ma sulla sua solidità si infransero i sogni di Arrigo Sacchi, dell’ex compagno di squadra Roberto Baggio e di una nazione calcistica che sperava di vendicare la delusione di Italia 90. Una speranza vanificata una volta di più dai calci di rigore fatali, ma anche dalla solidità inconsueta data alla difesa carioca dal Cucciolo, che i tifosi fiorentini ricordavano bene.

E c’è da credere che in una Firenze allora, nel 1994, per niente riconciliata con una Nazionale simbolo di una Federcalcio vissuta come nemica e asservita alle squadre strisciate, molti in occasione di quella finale fecero il tifo proprio per lui, contro i colori azzurri.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo