Una buona Fiorentina per un pari prezioso

di Patrizia Iannicelli

JorginhoAstori171211-001NAPOLI (Dal nostro inviato) – Dopo la brillante vittoria al Franchi contro il Sassuolo, i viola nella sedicesima giornata affrontano una delle squadre più forti del campionato, il Napoli di mister Sarri. Nessuna sorpresa tra le fila dei gigliati che confermano il modulo del 4-3-3; Sportiello tra i pali, Laurini, Pezzella, Astori (cap.), Biraghi, Veretout, Badelj, Benassi, Thereau, Chiesa, Simeone.

I partenopei partono con grinta e si portano in area avversaria nei primi dieci minuti, ma è la Fiorentina che mette paura ai padroni di casa quando arriva sotto porta. Annullato un goal per fuorigioco a Simeone, posizione di off side dello stesso giocatore argentino. I viola pericolosi in diverse occasioni, colpo di testa di Chiesa alto, diagonale di Benassi parato dal portiere Reina.

Dopo il pressing iniziale del Napoli, i viola ripartono in contropiede con la difesa che blocca le incursioni degli avversari. Al quarantesimo occasione da goal per Simeone che tira addosso al portiere. Alla fine del primo tempo si va negli spogliatoi a reti inviolate ma con la Fiorentina che ha tenuto testa agli azzurri di casa.

Nella seconda frazione di gioco, al decimo tiro di Zielinski e grande risposta di Sportiello che si salva anche con il palo, con conseguente angolo per il Napoli. Ancora pericolosi i partenopei con Hamsik che sfiora il palo alla destra di Sportiello. Mister Pioli corre ai ripari con la prima sostituzione esce Thereau per Sanchez.

Ancora il Napoli in pressing con Maertens ma Sportiello e la difesa viola non si fanno sorprendere. Il secondo cambio tra i gigliati è l’ingresso di Gil Dias al posto di Chiesa. Alla mezz’ora l’ultimo cambio esce Laurini per infortunio ed entra Bruno Gaspar. Il Napoli arrembante nei minuti finali, trova una Fiorentina compatta e determinata e dopo tre minuti di recupero termina la gara.

Buona prova corale della squadra di Pioli che a fine gara esulta per un pari meritato e prezioso. La Fiorentina dopo un avvio altalenante sta ritrovando gioco e risultati, ma soprattutto una costante crescita nei vari reparti, dalla difesa che ha concesso poco con interventi decisivi, al carattere del centrocampo, alla solidità dell’attacco che pur mancando di precisione sotto porta ha lottato e creato buone occasioni.

La Fiorentina al quarto risultato consecutivo, ha saputo mettere in campo quella giusta mentalità nell’affrontare un avversario tecnicamente superiore, mancata in alter gare alla portata. Prestazione ottima del reparto difensivo con Sportiello determinante, Pezzella un pilastro, Veretout si conferma la nota lieta del centrocampo, grande impegno di Chiesa e Simeone, ma buona prova e costanti progressi per tutto il collettivo.

Un pareggio che porta ottimismo e convinzione dei propri mezzi in vista degli imminenti impegni in questa settimana, mercoledì con gli ottavi di Coppa Italia al Franchi contro la Sampdoria e domenica ancora in casa contro il Genoa. Con questa Fiorentina i presupposti per fare bene ci sono tutti.

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo