27 dicembre: que viva la constituciòn

di Simone Borri

DeNicolaJuanCarlos171227-001

Firme storiche: Enrico De Nicola e Juan Carlos di Borbone, lo stesso giorno a 30 anni di distanza

Quando si dice essere parenti….. Per Italia e Spagna il giorno 27 dicembre è una data particolare, che le accomuna per il ritorno alla democrazia dopo un lungo periodo di dittatura.

Nel 1947, il capo provvisorio dello Stato italiano Enrico De Nicola promulgò la nuova Costituzione repubblicana, che sarebbe entrata in vigore il 1° gennaio 1948. Dopo la guerra mondiale, la Resistenza e la Costituente, l’Italia abbandonava dopo 100 anni esatti lo Statuto Albertino, concesso da Carlo Alberto alla vigilia della Prima Guerra di Indipendenza.

Nel 1978, il capo provvisorio dello Stato spagnolo Re Juan Carlos di Borbone promulgava la nuova Costituzione democratica monarchica, che sarebbe entrata in vigore il 1° gennaio 1979. Dopo 40 anni di franchismo, la Spagna abbandonava la legge del Caudillo che stabiliva il ritorno alla monarchia borbonica alla sua morte, per stabilirne un’altra che lo proclamava monarca costituzionale della nazione tornata nel novero dei paesi democratici d’Europa.

Da notare, la presenza in entrambe le Costituzioni della stessa norma a specchio: l’Italia stabilisce che la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale. La stessa norma è stabilita dalla Spagna per la forma monarchica.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo