Il giorno della memoria viola

di Simone Borri

Leonardo Domenici con Diego e Andrea Della Valle

Leonardo Domenici con Diego e Andrea Della Valle

FIRENZE – Ieri facevano quindici anni. Tanto tempo è passato da quando andò tutto in pezzi. Da quando la Città di Firenze perse una delle sue istituzioni più importanti, più caratterizzanti l’essere fiorentini, insieme al Calcio Storico, alla Festa del Grillo, allo Scoppio del Carro, alla Rificolona. Da quando morì l’A.C. Fiorentina. Sembrava, e sembra ancora oggi, decisamente impossibile.

La società fondata nel 1926 dal marchese Luigi Ridolfi, la squadra dalle maglie viola, ormai faceva (e farà sempre) parte della città in modo indissolubile. Vederla sparire in quel modo fu come trovarsi al Piazzale Michelangelo e vedersi togliere all’improvviso la vista di uno dei monumenti famosi in tutto il mondo e che costituiscono nel loro complesso il colpo d’occhio che tutti associamo a Firenze. Levate il Campanile di Giotto, o la Cupola del Brunelleschi, e cambia tutto. Levate la Fiorentina, levate la bandiera viola sulla Torre di Maratona dello stadio di Luigi Nervi, e niente sarà più come prima.

Eppure accadde. Undici anni fa. Era un’estate ancora più calda di questa, la squadra era reduce da una delle stagioni più disastrose, conclusasi con la retrocessione nella serie cadetta, la controversa e discussa proprietà della famiglia Cecchi Gori volgeva al termine tra debiti e lotte politico-economiche nazionali e locali. Ma i tifosi viola, abituati da sempre a soffrire, ne avevano viste così tante da non poter credere che anche questa crisi non sarebbe stata superata.

E allora, si diceva, alla Roma, alla Lazio, al Parma, al Napoli cosa dovrebbero fare? Alla fine ci salveranno, qualcosa si inventeranno…. Non andò così. Il Palazzo, che non ci aveva mai amato particolarmente, quella volta non si inventò proprio niente per salvarci. Nei giorni compresi tra la fine di luglio e la metà di agosto 2002 si consumò a Firenze uno psicodramma incredibile. Una sera si andò a letto senza più avere una squadra di calcio, la nostra squadra del cuore, due o tre giorni dopo ci si svegliò leggendo sul giornale che il Comune, applicando una norma fino ad allora sconosciuta del diritto sportivo e societario, aveva recuperato dalla defunta A.C. Fiorentina il titolo sportivo e l’aveva consegnato nelle mani di un industriale marchigiano fino ad allora quasi sconosciuto, Diego Della Valle, patron della Tod’s.

I retroscena di questa vicenda, dal fallimento Cecchi Gori all’avvento di Mister Tod’s, sono tutt’ora oggetto di discussione tra gli addetti ai lavori e i tifosi. Quello che è sicuro è che da una morte certa a una resurrezione che definire miracolosa è poco il passo fu brevissimo, e il 3 agosto 2002 prese il via un’epopea che portò da subito la Fiorentina rinata (o Florentia Viola, come si chiamò inizialmente) sulle prime pagine di tutti i giornali non solo sportivi, e i suoi proprietari a una notorietà indiscussa, per i risultati ottenuti ma anche per alcune iniziative decisamente dirompenti rispetto a un mondo del calcio ingessato in un tradizionalismo di comodo.

I guai per la Fiorentina non erano certo finiti, come la vicenda di Calciopoli si sarebbe incaricata di dimostrare ben presto, ma la più grave crisi della sua storia fu brillantemente superata. Nessuno fuori di Firenze, a parte Della Valle, aveva dato una mano alla Fiorentina. E tuttavia la Fiorentina era risorta.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Lavora nella pubblica amministrazione. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo