Prato ad Arezzo, Martinelli: «Dobbiamo continuare a crederci»

di Roberto Nardi

Riccardo Martinelli (AC Prato)

Riccardo Martinelli (AC Prato)

Tre giornate al termine della regular season e la formazione di Monaco, dopo la sconfitta casalinga con la Cremonese, cerca i tre punti nella trasferta con l’Arezzo (sabato alle 20:30 al Città di Arezzo). I biancazzurri occupano la quartultima posizione in coabitazione con l´Olbia a 33 punti, ma davanti ai sardi in virtù del computo degli scontri diretti. A 34 c’è il Tuttocuoio sempre in zona playout mentre la Cararrese a 35 sarebbe salva. Dietro i biancoazzurri la Lupa Roma a 31 e il Racing a 29.

La salvezza diretta è distante due punti e il Prato deve trovare punti fuori casa guardando anche gli scontri delle avversarie con il match tra Tuttocuoio e Racing, mentre la Lupa Roma va a a Como, la Carrarese affronta il Pontedera in casa e l’Olbia gioca con la Pistoiese fuori casa. Una situazione che, in chiave di salvezza diretta, si complicherebbe non poco se la formazione marmifera vincesse il derby con il Pontedera e il Prato non dovesse trovare i tre punti. In quel caso il Prato dovrà cercare la permanenza in categoria attracerso i play out mantenendo un piazzamento favorevole.

«Dobbiamo continuare a crederci e non guardare le nostre dirette avversarie – spiega il difensore Riccardo Martinelli che tornerà a Arezzo da ex – ho giocato nell’Arezzo nelle giovanili poiché sono aretino e sicuramente i primi 5 minuti del riscaldamento avrò un po’ di brividi ma poi passerà tutto e cercheremo di fare punti anche su un terreno difficile. Stiamo facendo bene e l’obbiettivo è salvarsi. A fine girone di andata ci davano tutti per spacciati ed invece ora lottiamo per una salvezza diretta. Abbiamo dimostrato con la gara con l’Alessandria che possiamo giocarcela con tutte le squadre e così faremo». Per quanto riguarda la formazione Monaco in settimana ha provato la difesa a tre e potrebbe portare dei correttivi alla formazione. Ancora indisponibili Ceccarelli e Brondi.

In casa Arezzo l’emergenza in difesa non è rientrata ma sicuramente Sottili può tirare un sospiro di sollievo. Barison e Solini sono rientrati in gruppo. Per Ferrario invece ancora lavoro differenziato e quindi difficile che l’ex Sambenedettese possa tornare dall’inizio contro il Prato. Assente Sergio Sabatino. A centrocampo tornano disponibili dopo la squalifica De Feudis e Foglia. Sottili dovrebbe ritornare al 4-4-2 con il recupero di Luciani. L’ex Gubbio tornerà dall’inizio con il Prato dopo oltre un mese dall’infortunio mentre mentre Masciangelo andrà sull’out di sinistra vista. Al centro andrà Muscat insieme ad uno tra Barison e Solini. Sulle corsie esterne Sottili ha provato Yamga e Bearzotti mentre al centro Cenetti dovrebbe essere affiancato da Foglia. In attacco ecco Moscardelli con ballottaggio tra Arcidiacono e Erpen per affiancare il bomber amaranto.

Probabili formazioni: Arezzo (4-4-2): Borra; Luciani, Muscat, Solini, Masciangelo; Yamga, Cenetti, Foglia, Bearzotti; Moscardelli, Arcidiacono. A disposizione: Garbinesi, Barison, Rosseti, De Feudis, Grossi, Corradi, Demba, Erpen, Polidori. Allenatore: Sottili. Prato (4-2-3-1): Melgrati, Catacchini, Martinelli, Marzorati, Tomi; Checchin, Gargiulo; Piscitella, Romano, Di Molfetta; Moncini. A disposizione: Layeni, Ghidotti, Danese, Beduschi, Benucci, Carcuro, Marini, Strada, Malotti, Tavano, De Marchi. Allenatore: Monaco. Arbitro: Paterna di Teramo. Assistenti: Trinchieri e Santarpia.

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo