A.C. Prato, Radici: «Calendario difficile ma i giochi non sono fatti»

di Roberto Nardi

Nicola Radici

Nicola Radici

Il Prato è uscito sconfitto al Lungobisenzio nella sfida contro la Cremonese che grazie ai tre punti è la nuova capolista del campionato. Una prova comunque positiva da parte dei biancazzurri, che ora si trovano a due punti dalla salvezza diretta. In sala stampa il presidente Nicola Radici ha sottolineato: «Sapevamo che il calendario per noi era complicato, inoltre siamo finiti in questa bagarre per il primo posto e sicuramente questa cosa non ci ha aiutato. La squadra ha comunque fatto una buona partita e alla fine poteva starci anche un pareggio».

I risultati della quart’ultima giornata lasciano quasi invariati i distacchi in zona salvezza con la Carrarese che con il pari di Olbia ha due punti di vantaggio sui biancazzurri.

«Non dobbiamo perdere lucidità – prosegue Radici – dobbiamo recuperare energie fisiche e mentali visto che si è giocato ogni quattro giorni. La squadra deve riposarsi un paio di giorni e da lunedì ripartiamo concentrati per la trasferta di Arezzo, la terza in classifica. Abbiamo fatto un gran recupero negli ultimi mesi e sicuramente era meglio avere un calendario più abbordabile, ma la squadra ha dimostrato in queste ultima partite con le prime in classifica che possiamo giocarcela e ora affronteremo le ultime tre gare come se fossero tutte finali come abbiamo fatto finora partita dopo partita».

Con il mercato di gennaio è stata rinforzata la squadra che nel girone di ritorno sta marciando bene ma pesano i primi mesi di campionato quando i biancazzurri erano all’ultimo posto. «Il nostro campionato è stato compromesso – conclude Radici – e mi assumo in primis le responsabilità. Ora siamo una buona squadra che non cambierei e questo ci deve dare coraggio e consapevolezza in questa rush finale. Le possibilità di salvezza ci sono e dobbiamo sfruttarle fino in fondo, se non c’è la faremo passeremo dai play out».

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo