Muchas gracias Yamaha

di Giacomo Borri

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo

VALENCIA – Con una lettera di ringraziamenti su Twitter Jorge Lorenzo si appresta a dire addio alla Yamaha dopo ben 9 anni di relazione. Dopo aver vinto ben 3 titoli iridati con Yamaha e aver vinto un numero enorme di gare, con un numero ancora più alto di pole position e podi, Valencia 2016 sarà l’ultima volta in cui il maiorchino salirà in sella alla sua M1.

Sono stati 9 anni indimenticabili”, e per questo Jorge ha voluto ringraziare tutti coloro in casa Yamaha che lo hanno aiutato durante questo cammino. A cominciare da Lin Jarvis, numero uno in azienda, e a seguire tutti i meccanici e ingegneri del team che in questi anni gli hanno fornito una moto vincente e sempre al top.

Finisce quindi anche la relazione da coinquilino col suo compagno di squadra Valentino Rossi, il quale ha dichiarato che aver avuto come compagno di squadra Jorge per tutti questi anni è stata una grande spinta a fare di meglio. Essendo Jorge uno dei migliori essere più bravo di lui è stata una spinta forte abbastanza da spingerlo a essere e rimanere tra i top rider. Infatti la coppia Yamaha in questi 9 anni è stata quella più vincente e più prolifica di successi in assoluto, e forse non solo in questi 9 anni. Un duo di pluricampioni del mondo quindi, difficilmente ripetibile.

Jorge vuole finire in bellezza, e per ora, prima della gara di Valencia, ha dominato in modo assoluto sia le prove libere sia le qualifiche ufficiali. Il record della pista apparteneva a lui stesso, fatto proprio l’anno scorso, ma durante le qualifiche in 3 uscite dai box che ha fatto, 3 volte ha demolito il suo vecchio record arrivando a scolpire un tempo definito da tutti magico, divino, superiore, che ha abbattuto di 6 decimi il vecchio tempo, e gli è valsa la pole con un leggendario 1’29.401. Unico sotto il muro del 1’30.00 assieme a Marq Marquez che nonostante abbia fatto l’impossibile in qualifica per reggere il passo di Jorge, così in forma, alla fine non ha potuto fare altro che accontentarsi del secondo posto.

La gara come ben sappiamo è un’altra cosa, ma con questi numeri e con il record della pista nuovo di zecca, ancora una volta Jorge ha detto addio e ringraziato la Yamaha per tutti questi anni trascorsi insieme. Perciò grazie a te Jorge per tutti questi anni di gare e di successi.

Comunque vada la gara di Valencia, da martedì prossimo Jorge si siederà finalmente per la prima volta sul suo nuovo destriero rosso fiammante in Ducati, perciò non si può che augurare a tutti di fare una bella gara e a tutti gli spettatori di rimanere incollati allo schermo almeno fino a martedì, quando arriverà il fatidico battesimo di fuoco.

Giacomo Borri

Giacomo Borri è nato a Firenze ed è laureato in Economia dello Sviluppo. E' un grande appassionato di motociclismo e appena può inforca la sua Yamaha YZF R6 sulle strade del Mugello


Visualizza gli altri articoli di Giacomo Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo