Portare la bandiera

di Simone Borri

Federica Pellegrini

Federica Pellegrini

FIRENZE – Fra poche ore, al Maracanà di Rio, le squadre olimpiche tornano a sfilare. I Giochi della XXXI Olimpiade torneranno a fermare il mondo, o almeno a provarci. Le tregue olimpiche sono sempre più difficili da attuare, ma almeno lo spettacolo che si rinnova di oltre 10.000 ragazzi da tutto il pianeta che sfilano con i colori dei rispettivi paesi mantiene tutta la sua suggestione, per quante illusioni possa aver perso la razza umana da quando Pierre de Coubertin riportò in vita il mito di Olimpia.

E’ un esercito pacifico e gioioso quello dei ragazzi che vanno a prestare il Giuramento Olimpico ogni quattro anni ai quattro angoli del mondo (sarebbero cinque, come i cerchi della bandiera, quest’anno tocca per la prima volta al Sudamerica, manca – ad oggi – la prima volta dell’Africa). E come ogni esercito che si rispetti ha bisogno di un alfiere. Qualcuno che porti le insegne, la bandiera.

Un onore non da poco. Da conferire di volta in volta a chi si è distinto nelle campagne precedenti. Illustrando la patria, come si diceva una volta. Qualcuno – o qualcuna, da quando le donne hanno cominciato a mietere allori olimpici quanto e più degli uomini – che ha già fatto risuonare l’Inno di Mameli in passato, in qualche prestigiosa competizione internazionale.

Carolina Kostner portabandiera a Torino 2006

Carolina Kostner portabandiera a Torino 2006

A Rio, tra poche ore, questo onore toccherà a Federica Pellegrini. E non c’è da discutere. Alzi la mano chi in questo momento è in grado di individuare un personaggio sportivo, uomo o donna, più carismatico in senso umano e sportivo della ventisettenne milanese che cominciò a incantare il mondo  (non solo per la sua avvenenza) ad Atene del 2004, diventando la prima donna capace di riportare l’Italia sul podio olimpico 32 anni dopo Novella Calligaris.

Da allora Federica non si è più fermata, seppur con qualche appannamento e passaggio a vuoto. Come a Londra, quattro anni fa, quando sembrava che il tempo fosse passato inesorabilmente anche per lei, come ha fatto per cannibali come Michael Phelps, lasciandola fuori dal podio sia nei prediletti 200 stile libero che negli ambiziosi 400 (una doppietta che le era riuscita ai Mondiali, ma mai alle Olimpiadi, comunque).

Federica non ha mollato. Aveva la voce rotta dal pianto per la commozione l’anno scorso a Kazan, quando le chiesero di commentare l’argento mondiale appena vinto, unica atleta della storia a salire sul podio in sei edizioni consecutive. Pochi giorni dopo, bis in staffetta 4×200, con entrata in vasca per l’ultima frazione al quinto posto e taglio del traguardo al secondo.

A maggio è tornata a Londra, per gli Europei. Stavolta l’Inghilterra è stata benevola, un oro (nei 200) e tre argenti nelle staffette. Il CONI non poteva aver dubbi su a chi affidare la nostra bandiera. Con l’auspicio che le sue braccia siano ancora capaci di sopportare la fatica non soltanto per reggere il tricolore, ma per regalarci un altro sogno in vasca.

Valentina Vezzali portabandiera a Londra 2012

Valentina Vezzali portabandiera a Londra 2012

E’ l’ultima (per ora) di una lunga serie di signore portacolori dello sport italiano, Federica. Da quando fu introdotta la sfilata preolimpica, a Stoccolma nel 1912, fino a Helsinki nel 1952 erano sempre stati gli uomini a vedersi conferire l’alto onore. Spadaccini di prestigio come Nedo Nadi e Giulio Gaudini, atleti e ginnasti plurimedagliati come Alberto Braglia, Ugo Frigerio e Giovanni Rocca.

Fu Miranda Cicognani, la signora della Ginnastica italiana degli anni cinquanta, la prima donna azzurra a portare la bandiera nella capitale finlandese in occasione della XV Olimpiade. Poi ancora una teoria di mostri sacri di sesso maschile, da Edoardo Mangiarotti il re della Scherma (due volte), al suo erede Giuseppe Delfino, al mitico cavaliere Raimondo d’Inzeo (il re di Roma nel 1960), all’istriano marciatore Abdon Pamich, all’altoatesino tuffatore Klaus Dibiasi.

Nel 1980 le bandiere non sfilarono. A Mosca, gli alleati degli Stati Uniti (che boicottavano protestando per l’invasione sovietica dell’Afghanistan) parteciparono in ossequio al compromesso né bandiere né inni né atleti appartenenti all’esercito. Pietro Mennea, che fu uno degli eroi di quella Olimpiade, dovette aspettare quella di Seoul otto anni dopo per vedersi affidata la bandiera.

Sara Simeoni portabandiera a Los Angeles 1984

Sara Simeoni portabandiera a Los Angeles 1984

A Los Angeles, nel 1984, era toccato nel frattempo di nuovo ad una signora, Sara Simeoni, eroina anch’essa della trasferta in Russia. A Barcellona non si poteva negare l’onore a Giuseppe Abbagnale, uno dei fratelloni del Canottaggio. Ad Atlanta toccò di nuovo alla Scherma. Ma al femminile, perché ormai tutti i successi della nostra grande scuola erano colorati tutti di rosa. Nel 1996 fu Giovanna Trillini. Valentina Vezzali, a cui l’onore sarebbe toccato a Londra nel 2012, ad Atlanta vinse le prime medaglie di metallo pregiato prenotando il futuro.

A Sidney, a rappresentare l’Italia del Basket tornata grande, portabandiera fu designato il fresco campione d’Europa Carlton Myers. Ad Atene, la scelta cadde sul monumento della nostra Ginnastica Artistica Yuri Chechi, che aveva mostrato al mondo come si può cadere (Barcellona) e stringendo i denti risorgere (Atlanta). Il canoista più amato dalle italiane Antonio Rossi portò il tricolore a Pechino. Poi Valentina, che chiuse da gran signora la sua carriera a Londra portando alla vittoria un bel manipolo di sue eredi conclamate.

Nel frattempo, i Giochi invernali avevano preso una loro strada, diversa da quelli estivi. Da Eugenio Monti (il mitico vincitore della prima medaglia De Coubertin della storia, per aver prestato agli inglesi Nash e Dixon il bullone di riserva che consentì loro di vincere a Innsbruck nel 1964 nel Bob a 2), a Gustav Thoeni e Paul Hildgartner (entrambi due volte a testa), ad Alberto Tomba, la bandiera era sempre stata un affare da uomini. Fino a Lillehammer, quando passò alla prima vera fuoriclasse donna del nostro sport alpino, Deborah Compagnoni. Poi a Gerda Weissensteiner dello Slittino, a Isolde Kostner e a sua cugina Carolina Kostner. Per finire a Giorgio Di Centa e Armin Zoeggler.

Al Maracanà, apre la fila Federica. Un solo augurio: grande Federica. E grande Italia. Una volta di più.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo