Souvenir d’Italie, aspettando l’Allemagne

di Simone Borri

Torre Eiffel

Torre Eiffel

FIRENZE – La Tour Eiffel illuminata di bianco, rosso e verde, nella notte della vittoria sull’Armada spagnola, ci toglie il fiato. Ci commuove. Diciamo la verità, non è facile avere di questi omaggi dai cugini francesi. Anzi, è praticamente impossibile. Qualcosa, di questa Italie che ha lasciato il più clamoroso dei souvenir a questo Europeo 2016 (almeno fino alla vittoria epocale dei vichinghi islandesi sugli anglosassoni, la prima dai tempi di Re Alfredo del Wessex), deve averli colpiti – e forse anche un po’ preoccupati – tanto da spingerli al più plateale degli chapeau.

Viene da sentirsi un po’ in colpa, a ripensare a quei fischi dispensati dallo Stadio Meazza di Milano alla Marsigliese nel 2007. D’accordo, a San Siro fluttuavano nell’aria ancora i veleni rilasciati a Berlino da Zidane e Materazzi, dai calci di rigore che ci avevano risarcito del famigerato golden gol di Trezeguet a Rotterdam, da un match d’andata in cui gli svogliati reduci di Berlino si erano offerti alla vendetta transalpina. Ma tra adulti maturi e vaccinati, per di più parenti, certe cose non dovrebbero succedere.

Come con la Spagna, con la Francia ne abbiamo viste tante insieme che ormai dovremmo abbracciarci e basta ogni volta che ci troviamo. Come disse qualcuno, la Marsigliese non si fischia mai, a prescindere. E il souvenir francese all’Italie di lunedi notte è qualcosa che ci resterà nel cuore, a prescindere da come andrà a finire. Merci beaucoup.

Il calcio affratella, o dovrebbe farlo. Con un’unica eccezione ammessa addirittura dalla Carta Olimpica. Quella che andrà in scena sabato prossimo alle 21,00. Come diceva qualcun altro, con la Germania non c’è, e non ci sarà mai, sentimento possibile.

Italia-Germania non è una partita di calcio, è una condizione dell’essere, un tratto distintivo generazionale, un debito kharmico. La colonna sonora e le immagini di sottofondo della nostra vita, l’evento epocale che fa da pietra miliare, da spartiacque, da post-it dei nostri ricordi.

L'urlo di Marco Tardelli (Italia-Germania 1982)

L’urlo di Marco Tardelli (Italia-Germania 1982)

Generazioni. Quella del 4-3 di Rivera, in fuga da Albertosi infuriato e giusto in tempo per raccogliere il traversone di Domenghini e fulminare Sepp Maier. Vencido y vencidor, siempre con honor. L’Azteca dove rinacque non soltanto una nazionale di calcio ma anche un intero popolo. Schnellinger illuse i panzer nel recupero, Rombo di Tuono e il Golden Boy dettero inizio alla leggenda. Quella dell’Italia che farà acqua sotto tanti punti di vista, ma che a calcio con i tedeschi vince sempre. Loro sono primi in tutto, ma quando e dove conta, dove preme di più a loro come a noi, con noi sono sempre secondi.

Poi quella del 3-1 al Santiago Bernabeu. RossiTardelliAltobelli. L’urlo di Marco Tardelli che diventa più famoso di quello di Munch. I tedeschi che schiumano rabbia e gli azzurri che spumeggiano calcio. Lo spareggio per agguantare il tricampeon Brasile vinto dall’Italia. Il vecchio Presidente che con la sua gioia contagia il giovane Re, sbatte la pipa in testa al cancelliere tedesco e gioca a carte con Causio, Zoff e il vecio Bearzot sull’aereo che riporta a Roma la Coppa del Mondo.

Poi quella dello 0-2 a Dortmund. I panzer giocano in casa, sentono di avere già vinto, i ragazzi tedeschi allo stadio con i volti dipinti dai colori di guerra della loro bandiera, alla fine il loro trucco si scioglie sotto le lacrime. Qualcuno non vede la magia di Del Piero perché è ancora alla finestra ad urlare per il gol di Grosso. Vendicata Italia 90, a Roma vinse la Germania Ovest, per l’ultima volta, a Berlino vince l’Italia. Quadricampeones, siamo più forti noi, ormai è storia.

L'urlo di Fabio Grosso (Italia-Germania 2006)

L’urlo di Fabio Grosso (Italia-Germania 2006)

Poi è cronaca recente, ci mettiamo al televisore quattro anni fa convinti che prima o poi i crucchi dovranno pur vincere, e che forse quella è volta buona. A Varsavia in semifinale europea la Germania terza in Sudafrica ha troppi più favori del pronostico rispetto alla disastrata Italia rimessa in piedi da Prandelli dopo il disastro del Lippibis. L’uomo che aveva rifatto grande la Fiorentina ha tirato fuori una squadra da un’Armata Brancaleone, come già Fulvio Bernardini dopo la débacle dei mondiali del 1974, ma i tedeschi fanno paura, stavolta sembrano troppo più forti. E invece il grande motivatore ha creato Supermario, l’eroe che in campionato fa spesso e volentieri soltanto casino, ma che in maglia azzurra si trasforma. Dopo venti minuti ha già schiantato la Wehrmacht con due gol dei suoi, segnati con una facilità irrisoria. Tedeschi a casa, per l’ennesima volta. Noi in finale, stavolta a Kiev, a prenderne quattro più per stanchezza che per inferiorità dalla Spagna di Iniesta come già a Mexico City dal Brasile di Pelé.

Immagini che scorrono, prima in bianco e nero e poi a colori. Il film della nostra vita. Dove eravate voi quando Rivera, Tardelli, Del Piero, Balotelli… Tedeschi che piangono, italiani che ridono e saltano di gioia. Ci hanno fatto piangere tante volte loro, nella vita di tutti i giorni, e quanto ci fanno piangere e tribolare ancora adesso, con lo spread, l’austerity e la Cancelliera di Ferro, che ci riprova dove fallirono il Kaiser ed il Fuhrer. E’ bello prendersi queste rivincite sul campo, e non saranno mai abbastanza.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo