Rule Britannia, or Ruled Britannia?

di Simone Borri

There’ll always be an England

There’ll always be an England

FIRENZE – Sarà più facile per l’Inghilterra vincere il Campionato Europeo di Calcio che uscire dalla vicenda Brexit, per come si è messa, salvando la faccia. Uscire dall’Europa, poi, sarà ancora più complicato.

Come volevasi dimostrare, se hai uno Sturridge in squadra prima o poi il gol lo trovi. Se hai in squadra (di governo) una Thatcher o un Tony Blair, prima o poi tutti ti rispettano. Diversa è la faccenda con i David Cameron. E soprattutto diversa con un corpo sociale che non è più quello che andò dietro compatto a Winston Churchill o a Margaret Thatcher.

There’ll always be an England, recitava un famoso slogan stampato sulle magliette di Carnaby Street. Già, ma quale? Quella che manda un pakistano alla Major Hall di Londra? Non è un discorso razzista, è un discorso di buon senso. Se anche nell’ultimo baluardo contro fascismo e nazismo prendono il sopravvento logiche e valori che non sono più quelli occidentali, allora è davvero finita.

La politica dell’Inghilterra, recitava un principio cardine in vigore oltremanica almeno dal Settecento, è sempre stata quella di evitare che sul continente europeo predominasse un soggetto su tutti, fosse il Re Sole Luigi XIV, Napoleone, il Kaiser o Hitler. Per questo chi ha voluto resistere al reich di turno ha sempre trovato nella Union Jack un alleato formidabile. In questo senso era da interpretare il principio cardine ancora più celebre: la politica dell’Inghilterra è fare di tutto il mondo l’Inghilterra.

Daniel-Sturridge festeggiato dai compagni dopo il gol della vittoria sul Galles

Daniel-Sturridge festeggiato dai compagni dopo il gol della vittoria sul Galles

Ma questa è un’Inghilterra di cui si studiava sui libri di scuola, o di cui si potevano ammirare gli ultimi fuochi nella Londra ruggente degli anni ottanta e del thatcherismo. O con la sua versione laburista incarnata da Tony Blair. L’ultimissima scintilla, più che fuoco, è stata proprio la vicenda Brexit. E la sensazione, dopo l’ondata emotiva suscitata dall’omicidio Cox, è che stia per spegnersi anch’essa.

Londra ha sempre avuto nella sterlina, nello Stock Exchange (o Borsa, l’hanno inventata loro), nella City che non teme confronti nemmeno con Wall Street di New York e che gestisce l’economia del Commonwealth e di una considerevole parte di mondo un fortilizio inespugnabile a difesa della propria libertà e della propria prosperità (malgrado crisi economiche ricorrenti) dall’insorgere di nuovi Kaiser sul continente europeo. In più, la relazione privilegiata con gli Stati Uniti d’America (mantenuta e rafforzata dopo la Guerra Mondiale da qualsiasi primo ministro che abbia avuto un po’ di cognizione di causa) ha sempre aggiunto un valore inestimabile alla politica estera di un paese che dopo il 1945 aveva visto drasticamente ridimensionato – e poi estinto – il proprio ruolo imperiale.

Era l’Europa ad aver bisogno di Londra più di quanto avesse bisogno Londra dell’Europa. Questo Londra l’ha sempre saputo, per questo è entrata nell’Unione Europea con un piede solo. E si è tenuta la sterlina. Ma chi abita, e governa, adesso, a Londra? Chi conosce a Londra la storia inglese, ed è in grado di perpetuarla? Chi è in grado di battersi contro il nuovo Quarto Reich, che stavolta manda avanti gli spread e i giochi di borsa al posto dei Panzer e dei Messerschmitt?

Siamo vissuti tutti, in Europa, sull’illusione che l’Unione fosse un deus ex machina benefico che avrebbe assicurato pace e prosperità al continente per sempre. Non è così, non poteva esserlo, in assoluto e nello specifico. Nella storia, niente è per sempre, soprattutto in un continente che si è sviluppato attraverso i conflitti e le rivalità nazionali. Quanto all’Unione, nel 1992 a Maastricht e poi a Schengen non si ritrovarono un gruppo di amiconi decisi a mettere su una polisportiva, a vedere poi come andava, se andava bene tutti contenti, altrimenti amici come prima.

Fiori per Jo Cox

Fiori per Jo Cox

Nel 1992, il Muro era crollato e la Germania era stata riunificata da poco, dopo aver pagato assai a buon mercato il debito contratto con la storia ed i popoli dal Terzo Reich. La nuova Germania aveva bisogno di qualcuno che pagasse i costi della sua riunificazione, e poi fosse disposto a riprendere il ruolo che dai tempi di Carlo Magno e Barbarossa la Germania stessa ha sempre attribuito al resto d’Europa: quello di lebensraum, di spazio vitale da sottomettere al proprio benessere. Appena rialzò la testa, la Germania riprese da dove aveva interrotto cinquanta anni prima.

In parallelo a questo processo, nei vari paesi europei si sono affermate oligarchie, prevalentemente di sinistra, che hanno identificato il perseguimento ottimale dei propri interessi nella somma con quelli tedeschi. Dall’Euro, bufala degli anni 90, all’immigrazione incontrollata a fine di procacciamento manodopera e base elettorale, bufala di questi ultimi anni.

Arrivata l’ora di dire basta, per evitare un nuovo Medioevo prossimo venturo, le uniche voci che potevano levarsi erano quelle della piazza francese, sempre pronta grazie a Dio a diventare Rivoluzione, e quella – austera ed autorevole – del governo di Sua Maestà britannica. I francesi sono in piazza, incuranti dell’europeo che si sta disputando in casa loro e di cui a torto o a ragione la loro nazionale è la favorita principale. Ammirevoli come lo erano i brasiliani che due anni fa scesero in piazza contro il loro mondiale. Per la sconfitta dei carioca non si suicidò nessuno, quella volta, come era successo nel 1950. Per i conti da pagare, quelli di allora e quelli della prossima olimpiade, lo faranno in molti, probabilmente.

Il governo di Sa Maestà era partito bene, poi Cameron ha visti scoperti i suoi conti a Panama, e qualche pressione neanche tanto occulta l’ha fatto diventare europeista. Il nemico interno sembrava comunque tenuto a bada. Quel partito laburista della Gran Bretagna che è da tempo appiattito sulle posizioni della socialdemocrazia europea, o di quel che ne rimane. Acquiescenza all’immigrazione, e ai diktat delle autorità germanico-europee, che hanno già promesso nuove V2 sull’Inghilterra se la Brexit farà il suo corso, per bocca del reichsfuhrer Schaeuble.

Margaret Thatcher

Margaret Thatcher

L’omicidio della laburista Jo Cox cambia le carte in tavola, in modo probabilmente irreversibile. L’ondata emotiva scatenata dal folle gesto dell’improbabile nazionalista Thomas Mair era prevedibile, e probabilmente è stata prevista – ed auspicata – da chi gli ha armato la mano. Questo fascista inglese che spara al grido di Britannia libera – e a casa del quale Scotland Yard trova un armamentario propagandistico di estrema destra – è troppo perfetto per essere vero. E’ perfetto per ottenere il risultato diametralmente opposto a quello che grida, mentre uccide la Cox. Folle? O era folle chi pensava che l’Unione Europea stesse a guardare, dopo gli scampati pericoli di Scozia (son finiti i tempi di Braveheart) e Catalogna (votate quello che vi pare, Barcellona può vincere qualche scudetto ma le scelte si fanno a Madrid)?

La Britannia In è in netta ripresa sulla Britannia Exit, o Brexit. Non avevamo dubbi, né li avevano i veri assassini della Cox. L’Europa val bene una deputata laburista, avrà pensato qualcuno parafrasando Enrico IV di Francia. Continua tutto come prima, business as usual (per chi li fa).

Gli Europei vanno avanti, e siccome tutto il mondo è paese, se Sturridge, Rooney & c. continuano a mettere insieme buone prestazioni e vittorie, della Coxit – pardon, della Brexit – se ne faranno tutti una ragione, nel senso che non se ne parlerà più. Come la Spagna, l’Inghilterra ha una rappresentativa calcistica assai migliore della sua classe politica. E una grande, grandissima storia ormai purtroppo irrimediabilmente dietro le spalle.

Così, la piazza francese resterà da sola, a gridare il suo no al jobs act ed all’Europa delle banche e del nuovo nazismo finanziario. I poliziotti francesi resteranno soli con il rifiuto di stringere la mano al peggior presidente della storia della loro Republique, ai funerali dei due colleghi uccisi dall’ennesimo portatore di cultura. Restano i citoyens aux armes, a illuderci di un nuovo 1789. Restano Francia e Inghilterra a giocarsi sul campo l’europeo dalla loro parte del tabellone.

A proposito, la nostra Boldrini ha già scritto a Corbin, il leader di Britannia First, dicendogli restiamo tutti uniti. Sotto con l’Europa, le banche e l’immigrazione selvaggia. Germania, Francia, Inghilterra almeno li fanno giocare in nazionale, i nuovi portatori di cultura. Noi li teniamo nelle cooperative e nelle parrocchie a lamentarsi del wi-fi che non funziona e del cibo che non è all’altezza. E Sua Santità Papa Francesco ci ricorda che chi non accoglie non è cristiano, e va all’inferno. Ci può essere qualcosa di più infernale di questo mondo che Lei arringa e ammaestra quotidianamente, Santità?

Anche noi siamo nelle mani di Antonio Conte, l’unica istituzione rimasta che funziona.

Simone Borri

Simone Borri è nato a Firenze, è laureato in scienze politiche, indirizzo storico. Tra le sue passioni la Fiorentina, di cui è tifoso da sempre, la storia, la politica, la letteratura, il cinema.


Visualizza gli altri articoli di Simone Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo