La mano sinistra della risata

di Giacomo Borri

Carlo Pedersoli alias Bud Spencer

Carlo Pedersoli alias Bud Spencer

FIRENZE – E’ morto ieri pomeriggio l’attore Bud Spencer alias Carlo Pedersoli. Aveva 86 anni. Lo ha annunciato il figlio Giuseppe Pedersoli: «Papà è volato via serenamente alle 18.15. Non ha sofferto, aveva tutti noi accanto e la sua ultima parola è stata grazie». Era nato a Napoli il 31 ottobre 1929.

Se ne va un mito della nostra infanzia e non solo. Ha preso a cazzotti i problemi e la noia da sempre. Un gigante buono che ci ha sempre rallegrato, in qualunque momento. Era più di un nuotatore olimpionico, più di un attore, era una persona che ha fatto ridere intere generazioni. Grazie Bud!

Filmografia – Quel fantasma di mio marito, regia di Camillo Mastrocinque (1950), comparsa – Quo vadis? regia di Mervyn LeRoy (1951), comparsa – Siluri umani, regia di Antonio Leonviola (1954), come Carlo Pedersoli – Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955), come Carlo Pedersoli – Addio alle armi (A Farewell to Arms), regia di Charles Vidor (1957), comparsa – Il cocco di mamma, regia di Mauro Morassi (1957), come Carlo Pedersoli – Annibale, regia di Carlo Ludovico Bragaglia ed Edgar G. Ulmer (1959), come Carlo Pedersoli – Dio perdona… io no!, regia di Giuseppe Colizzi (1967) – Oggi a me… domani a te!, regia di Tonino Cervi (1968) – Al di là della legge, regia di Giorgio Stegani (1968) – I quattro dell’Ave Maria, regia di Giuseppe Colizzi (1968) – Un esercito di 5 uomini, regia di Italo Zingarelli (1969) – La collina degli stivali, regia di Giuseppe Colizzi (1969) – Gott mit uns (Dio è con noi), regia di Giuliano Montaldo (1970) – Lo chiamavano Trinità…, regia di E.B. Clucher (1970) – Il corsaro nero, regia di Lorenzo Gicca Palli (1971) – …continuavano a chiamarlo Trinità, regia di E.B. Clucher (1971) – Quattro mosche di velluto grigio, regia di Dario Argento (1971) – Si può fare… amigo, regia di Maurizio Lucidi (1972) – Torino nera, regia di Carlo Lizzani (1972) – …più forte ragazzi!, regia di Giuseppe Colizzi (1972) – Una ragione per vivere e una per morire, regia di Tonino Valerii (1972) – Anche gli angeli mangiano fagioli, regia di E.B. Clucher (1973) – Piedone lo sbirro, regia di Steno (1973) – … altrimenti ci arrabbiamo!, regia di Marcello Fondato (1974) – Porgi l’altra guancia, regia di Franco Rossi (1974) – Piedone a

Hong Kong, regia di Steno (1975) – Il soldato di ventura, regia di Pasquale Festa Campanile (1976) – Charleston, regia di Marcello Fondato (1977) – I due superpiedi quasi piatti, regia di E.B. Clucher (1977) – Piedone l’africano, regia di Steno (1978) – Lo chiamavano Bulldozer, regia di Michele Lupo (1978) – Pari e dispari, regia di Sergio Corbucci (1978) – Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre, regia di Michele Lupo (1979) – Io sto con gli ippopotami, regia di Italo Zingarelli (1979) – Piedone d’Egitto, regia di Steno (1980) – Chissà perché… capitano tutte a me, regia di Michele Lupo (1980) – Occhio alla penna, regia di Michele Lupo (1981) – Chi trova un amico, trova un tesoro, regia di Sergio Corbucci (1981) – Banana Joe, regia di Steno (1982) – Bomber, regia di Michele Lupo (1982) – Cane e gatto, regia di Bruno Corbucci (1983) – Nati con la camicia, regia di E.B. Clucher (1983) – Non c’è due senza quattro, regia di E.B. Clucher (1984) – Miami Supercops. I poliziotti dell’8ª strada, Bruno Corbucci, (1985) – Superfantagenio, regia di Bruno Corbucci (1986) – Un piede in paradiso, regia di Enzo Barboni (1991) – Botte di Natale, regia di Terence Hill (1994) – Fuochi d’artificio regia di Leonardo Pieraccioni (1997) – Al limite, regia di Eduardo Campoy (1997) – Figli del vento, regia di José Miguel Juarez (1999) – Cantando dietro i paraventi, regia di Ermanno Olmi (2003) – Pane e olio, regia di Giampaolo Sodano (2008) – Tesoro, sono un killer, regia di Sebastian Niemann (2009).

Palmarès da pallanuotista – Giochi del Mediterraneo: 1955 Barcellona (Spagna): Oro, 3 vittorie 0 sconfitte.

Palmarès da nuotatore 100 m st. libero – Giochi olimpici: 1952 Helsinki (Finlandia) eliminato in semifinale con il tempo 58″9; 1956 Melbourne (Australia), eliminato in semifinale con il tempo 59″0; Campionati europei: 1950 Vienna (Austria),  5º con il tempo 1’01″2; Giochi del Mediterraneo: 1951 Alessandria (Egitto), Argento con il tempo 59″9; Campionati italiani: 7 titoli individuali e 4 in staffetta, così ripartiti: 7 nei 100 m stile libero, 1 nella staffetta 4×200 m stile libero, 2 nella staffetta 3×100 m mista e 1 nella staffetta 4×100 m mista.

Giacomo Borri

Giacomo Borri è nato a Firenze ed è laureato in Economia dello Sviluppo. E' un grande appassionato di motociclismo e appena può inforca la sua Yamaha YZF R6 sulle strade del Mugello


Visualizza gli altri articoli di Giacomo Borri

Potrebbe interessarti anche ...

Commenta l'articolo